Riaprono i musei di Venezia !!

Riaprono i musei di Venezia ! Visitiamoli, o facciamo uso delle visite esclusive su prenotazione. Facciamo ripartire il turismo e la nostra economia !!!

 

Qualità da leadership

For the English translation, please scroll down the page. Thank you !

 

Copia di Il capo incute paura; il leader ispira entusiasmo.” HARRY GORDON SELFRIDGE SR

Continua il mio blog sul mio passato da Operatore Museale, parlando questa volta, non tanto di me, ma di alcune persone chiave, che mi hanno impressionato molto e che ritengo, siano state le prime, a dimostrare le vere qualità da leader, in un tempo, quando ancora non si parlava di queste cose.

Un paio di mesi dopo la mostra di Tiziano a Palazzo Ducale, sempre intorno al 1990 / 1991,  io e altri colleghi fummo richiamati dalla nostra azienda (che adesso non esiste più), per un altro lavoro. Basta mostre temporanee, qui si parlava dell’itinerario permanente di Palazzo ducale. All’epoca il direttore del principale museo di Venezia, era l’architetto Umberto Franzoi. Nella mattinata, poco prima di cominciare a lavorare, egli volle incontrarci tutti, e ci convoco nel suo studio. Voleva conoscerci tutti, capire chi eravamo, in fin dei conti, gli operatori museali, erano , e saranno sempre l’immagine che rappresentano i musei nelle menti dei visitatori. Ci guardò uno a uno, e ci spiego brevemente quali erano le nostre mansioni, rispondendo alle nostre domande. Un comportamento singolare, ma positivo, e non fu neanche l’ultimo. Passò un paio di anni, forse, ero di turno nella sala del Senato, quando mi giunse voce, che stava arrivando il Direttore per un’ispezione a sorpresa, e purtroppo in quel momento, ero da solo, in quanto un mio collega, era indisposto, e si era assentato un attimo. Che fare, le sale erano piene ! Fu li, che diedi il meglio di me stesso, girando sala per sala, a velocità fulminea, controllando tutti i turisti, facendo loro capire che “no, non si possono fare foto” (all’epoca non si potevano farle), e “no signore, nemmeno senza flash” e ancora, pregando gentilmente una coppia, che non ci si poteva sedere per terra, spiegando dove si trovava il ponte dei sospiri, insomma, ero un turbine, ero simultaneamente in ogni luogo! Quando arrivo il direttore dopo avermi osservato per un po, mi si avvicinò, e mi diede un pugno sulla spalla, dicendo “bravo !” Crisi evitata ! Mi ricordo che mi spiegò brevemente gli autori dei dipinti sul soffitto, e poi se ne andò sorridendo verso le altre sale.

Per gestire te stesso, usa la testa; per gestire gli altri usa il cuore. (Eleanor Roosevelt)

Ma non fu l’unica persona ad avere quelle qualità. Moltissimi anni dopo (circa 2010), fui trasferito, nel bellissimo museo di Ca’ Rezzonico, ero al terzo piano, quando mi vedo arrivare un signore, che comincia a scattare foto a manetta. Gentilmente gli faccio osservare, che non si possono fare, ma poi mi viene detto che è il direttore del museo ! Lui sorridendo mi disse “tranquillo, hai fatto il tuo lavoro” Il Dott. Pedrocco, era una persona eccezionale, lui diceva spesso “ragazzi, se avete un problema, la porta del mio ufficio è sempre aperta!” ed non era una frase gettata là. Era quel genere di persona, con cui si poteva parlare di tutto, che se ti vedeva per strada, era sempre pronto ad offrirti un passaggio in auto.

A pochi anni di distanza, di servizio per la prima volta nel stupendo Palazzo Mocenigo, sono al primo piano nobile, e mentre passeggio per le stanze controllando che tutto sia a posto, dalle scale si avvicina una signora, che mi squadra e si presenta: “buongiorno sono la Dott.ssa C. S. vedo una persona nuova oggi, come si trova, bene ? I sui colleghi le hanno spiegato tutto ? ” E io rispondo, si tutto bene, e quando lei sorridendo se ne va, rimango li a pensare, da quale pianeta proviene, perché poche son le volte che un operatore museale, viene trattato così bene. E non sempre, si trovano persone così meravigliose.. alcune passano per le sale del museo, senza nemmeno dire “buongiorno”, passano avanti come se non ci fossimo. L’ultimo evento, successo di recente, (un paio di anni fa) vede un gruppetto di dirigenti, venuti ad ispezionare, delle sale soggette a restauro. Ricordo chiaramente, che a fine della loro visita, solo una ci auguro “buon lavoro a tutti !” il resto di loro, non proferì alcuna parola…

Un bravo leader può ottenere molto anche dagli uomini peggiori mentre un generale incapace riesce a demoralizzare persino le truppe migliori.
(John J Pershing)

Queste persone, queste loro qualità di leadership, lasciano un segno, un impressione, un ricordo destinato a perdurare, perché è grazie a persone come loro che un’azienda raggiunge il successo, una società può cambiare, l’essere umano, può raggiungere traguardi inaspettati. Per le persone che non ci sono più, porto dentro di me, un bellissimo ricordo, e per quelle che ancora ci sono, portano una speranza, che specialmente in periodi bui come questo del Covid-19, le cose possano cambiare in meglio.

Leadership quality

Copia di Il capo incute paura; il leader ispira entusiasmo.” HARRY GORDON SELFRIDGE SR (1)

Let’s continue my blog about my past as an attendant museum, talking this time, not so much about me, but about some key people, who have impressed me most and who I think were the first to show the true qualities of a leader, in a time, where the topic about the difference between a boss and a leader didn’t exist yet.

A couple of months after Tiziano’s exhibition at the Doge’s Palace, around 1990/1991, other colleagues and I were called back by our company (which no longer exists), for another job. No more temporary exhibitions, here we talked about the permanent itinerary of the Doge’s Palace. At the time the director of the main museum in Venice was the architect Umberto Franzoi. In the morning, just before starting to work, he wanted to meet us all, and he summoned us to his study. He wanted to get to know us all, to understand who we were, after all, the attendants museum were, and always will be the image that represent the museums in the visitors’s mind. He looked at us one by one, and he explained briefly what our duties were, answering to all our questions. A singular but positive event, but it wasn’t the last one either. A couple of years passed,  I was on duty in the Senate room, when I heard the rumor, that the Director was coming for an surprise inspection, and unfortunately at that time, I was alone, as a colleague of mine was not feeling well, and he was absent for a moment. What to do, I said to myself, the rooms were full! It was right there that I gave my best, moving from room to room, at lightning speed, checking all the tourists, making them understand that “no, you can’t take pictures” (at the time they couldn’t take them), and ” no sir, not even without flash “and again, explaining kindly to a couple, that they couldn’t sit on the ground, telling them where the bridge of sighs was, in short, I was a like a tornado, I was simultaneously everywhere! When he arrived, after watching me for a while, he came toward me, and punched me on the shoulder, saying “good, well done!” Crisis avoided! I remember that he briefly explained to me, who were all the artist of the paintings on the ceiling, and then left smiling towards the other rooms.

To handle yourself, use your head; to handle others, use your heart. (Eleanor Roosevelt)

But he wasn’t the only person to have those qualities. Many years later (around 2010), I was transferred to the beautiful museum of Ca ‘Rezzonico, I was on the third floor, when I see a gentleman arrive, who begun to take a lot of pictures ! I kindly point out to him, that they couldn’t be done, but then, someone told me that he was the director of the museum! He said smiling “relax lad, you did your job” Dr. Pedrocco was an exceptional person, he often said “guys, if you have a problem, the door to my office is always open!” and it was not a sentence thrown there like that. It was that kind of person, with whom you could talk about everything, that if he saw you on the street, he was always ready to offer you a ride in the car.

A few years later, serving for the first time in the beautiful Mocenigo Palace, I was on the first noble floor, and while I walked around the rooms checking that everything were in order, I see a lady approaching by the stairs, who looks at me and introduces herself: “Hi, I’m Dr. C.S.  I see you are new around here, how you  doing?  Did your colleagues explain everything to you?” And I shyly answered, yes, I am ok thank you, and  she left smiling, while, I was there thinking, from which planet she came from, ‘cause there were really few times that an attendant museum was treated so well. And not always, there were such wonderful people .. some of them pass through the halls of the museum, without even saying “good morning”, they pass on as if we were not there. The latest event, which happened recently, (a couple of years ago) sees a small group of managers, who came to inspect, some rooms subject to restoration. I clearly remember that at the end of their visit, only one wishes us “good job to everyone!” the rest of them did not utter a single word …

A competent leader can get efficient service from poor troops, while on the contrary an incapable leader can demoralize the best of troops.
(John J Pershing)

These people, their leadership qualities, leave a mark, an impression, a memory destined to persist, because it is thanks to people like them that a company achieves success, a society can change, a human being, can achieve unexpected goals. For people who are no longer with us, I carry within me a beautiful memory, and for those who are still here, they bring hope, that, especially in dark times like this in Covid-19, things can change for the better.

L’inizio di una storia..

For the English translation, please scroll down the page. Thank you !

cropped-imagine-profilo

Verso la metà del mese di giugno del 1990, cominciò la mia carriera come operatore museale. Doveva essere semplicemente, un lavoro di pochi mesi, eppure da quella data, continuo a lavorare nei bellissimi musei civici di Venezia, e sono sempre più appassionato del mio lavoro.

In quel periodo c’era la mostra di Tiziano, organizzata a Palazzo Ducale, con l’aiuto di musei e gallerie di tutto il mondo, tra i quali: l’Ashmolean Museum di Oxford, il Detroit Istitute of Art, la collezione Thyssen-Bornemisza di Lugano, la biblioteca Marciana e le gallerie dell’accademia di Venezia, Koninklijk Museum  Voor  Shone Kunsten di Anversa, il Metropolitan Museum of Art di New york, il Museo del Louvre di Parigi, il Museum Boymans-Van Beunigen di Rotterdam, il Museo del Prado di Madrid, il Museo dell’Ermitage di S. Pietroburgo, la National Gallery of Art di Washington, lo stesso Palazzo ducale di Venezia e tanti altri.

Fu una delle più belle esperienze della mia vita, di cui ho tanti bei ricordi. Il lavoro era suddiviso in due turni, in quanto Palazzo Ducale, a quel tempo, solo per la mostra, era aperto fino a tarda serata: dalle 09.00 fino alle 16.00 il primo turno e il successivo fino alle ore 23.00.

Il lavoro non era faticoso, sebbene c’era sempre tanto da fare: le sale erano sempre strapiene, con tantissimi gruppi, tanto è vero, che dovevamo prestare attenzione a quanta gente poteva entrare in sala, e bloccavamo i gruppi, prima di entrare nella sala successiva, quando l’altro gruppo avanzava. Era un lavoro un po.. diplomatico, perché ovviamente, sia i singoli che i gruppi, premevano per avanzare, e bisognava agire con molto autocontrollo.

Il turno serale era forse quello che preferivo di più, in quanto, quando avevamo la pausa cena, avevamo a disposizione per noi, una delle balconate del Palazzo, e mentre mangiavamo potevano godere della stupefacente bellezza di Venezia di notte, uno spettacolo veramente unico.

Anche se si finiva alle 23.00 non c’erano problemi, in quanto, anche a quell’ora i mezzi di trasporto erano garantiti, e sia il personale che i turisti, potevano rientrare nelle loro abitazioni / hotel. E’ un punto su cui tutt’ora cerco di far capire a tutti quelli che mi seguono nell’ambiente museale / turistico: Il successo delle aperture serali dei musei, può funzionare SOLO se si garantiscono i mezzi per il ritorno. E’ importante sia per il personale, ma lo è altrettanto per i turisti. Se i mezzi vengono a mancare, è ovvio che lasceranno i musei prima, e non solo quelli, ma anche i ristoranti, teatri. I trasporti sono essenziali !

Jpeg

Questa foto appartiene alla copertina del catalogo di quella mostra. E’ in mio possesso, all’epoca, era un’usanza regalare a fine mostra i cataloghi agli operatori museali. Penso che quella fu l’ultima volta che lo fecero, peccato, perché era un gesto apprezzammo molto. Era, come dire, un gesto di ringraziamento nei nostri confronti, per il lavoro svolto. A dire il vero, questo è un’altro punto, su mi piace parlare molto: sono dell’opinione che questi testi, dovrebbero essere a disposizione degli operatori museali. In primis, in quanto se viene loro chiesto qualcosa, son pronti a rispondere e fanno fare una bella figura al museo, secondo, in questo momento di Covid-19 i dispositivi touch screen potrebbero essere saggio non usarli, e la mia esperienza di tutti questi anni, mi ha fatto capire, che i turisti se possibile, preferiscono parlare con qualcuno.

Nel prossimo articolo vi parlerò di come divenni operatore museale a tutti gli effetti,  e di una figura di alto livello museale di quel tempo, che mi colpi molto (favorevolmente).

—————————————————-

The beginning of my story as Attendant museum !

cropped-imagine-profilo

In the middle of June 1990, I started my career as a attendant museum. It was simply a job for few months, and yet, since then, I still work in the beautiful civic museums of Venice, and I am always in love with my job.

At that time there was the Titian’s exhibition, organized at the Doge’s Palace of Venice, with the help of museums and galleries from all over the world, including: the Ashmolean Museum of Oxford, the Detroit Institute of Art, the Thyssen collection Bornemisza of Lugano, the Marciana library and the galleries of the Venice academy, Koninklijk Museum Voor Shone Kunsten of Antwerp, the Metropolitan Museum of Art in New york, the Louvre Museum of Paris, the Museum Boymans-Van Beunigen of Rotterdam, the Prado Museum of Madrid, the Hermitage Museum of St. Petersburg, the National Gallery of Art in Washington, the Doge’s Palace in Venice itself and many others.

It was one of the most beautiful experiences of my life, of which I have many beautiful memories. The work was divided into two shifts, as Doge’s Palace, at that time, was open until late in the evening only for the exhibition: from 09.00 am to 16.00 pm the first shift and the following until 23.00 pm.

The work was not so difficult, although there was always a lot to do: the rooms were always full, with many groups, so many, that we had to pay attention to how many people could enter the room, and we  had to block the groups, before entering to the next room, when the other group advanced. It was a bit of a diplomatic job, because obviously both the single visitors and the groups were pushing to move forward, and it was necessary to act with a lot of self-control.

Even if we finished at 11.00 pm there were no problems, as even at that time the public transport were guaranteed, and both staff and tourists could return to their homes / hotels. It is a point on which I still try to make everyone who follows me in the museum / tourism environment understand: The success of the evening openings of museums can ONLY work if the means of return are guaranteed. It is important for both staff, but it is equally important for tourists. If the means are lacking, it is obvious that they will leave the museums sooner, and not only those, but also restaurants, theaters. Transportation is essential!

Jpeg

This photo belongs to the cover of the catalog of that exhibition. It is still in my possession, at the time, it was customary to give catalogs to the attendants museum at the end of the exhibition. I think that was the last time they did it, too bad, because it was a gesture we appreciated a lot. It was, how to say, a gesture of thanks to us, for the work done. Actually, this is another point, I like to talk a lot about: I am of the opinion that these texts should be available to attendants museum. First of all, because if they are being asked something, they are ready to answer and make the museum look good, secondly, at this time of Covid-19 touch screen devices may be wise not to use them, and my experience of all these years, has made me convinced, that tourists if possible prefer to talk to someone.

In the next article I will tell you about how I became a full status attendant museum,  and of a high-level museum figure of that time, who impressed me favorably.

Canaletto approda a Palazzo Ducale !

For the english translation, please scroll down the page, thank you.

DSCN0020

A Palazzo Ducale è stata inaugurata la mostra “Canaletto e Venezia”, che durerà fino al 09 giugno 2019. E’ la mostra dell’anno, un evento che si aspettava ormai da tempo. Ecco che dopo la grande mostra dedicata a Tintoretto, si è riusciti a proporre un’altra mostra di grande livello.

Giovanni Antonio Canal, meglio conosciuto come il Canaletto (Venezia, 17 o 18 ottobre 1697 – Venezia, 19 aprile 1768), è stato un pittore e incisore italiano, noto soprattutto come vedutista, i cui quadri sono famosi, e sopratutto sparsi in tutto il mondo, specie in Inghilterra, alla National Gallery di Londra, questo grazie al consiglio del console Britannico Joseph Smith, che fu un intermediario tra l’artista e i principali collezionisti inglesi.

La mostra da poco inaugurata, rende possibile poter vedere i suoi magnifici capolavori, specie quelli provenienti dai musei stranieri, e oltre a lui, sono presenti anche opere di Luca Carlevarijs, Rosalba Carriera, Giambattista Tiepolo, Pietro Longhi, Francesco Guardi, e Giandomenico Tiepolo, questo per poter offrire al pubblico una visione completa del panorama del 700 a Venezia.

E’ una mostra spettacolare, che invito tutti ad andare a vedere, ma se volete avere una visione più allargata dell’artista e del suo tempo, dopo Palazzo Ducale, dovete anche visitare il bellissimo Museo di Ca’ Rezzonico, museo del 700 veneziano, dove uno dei due quadri di Canaletto, è stato prestato per la mostra. Quindi, se dopo Palazzo Ducale decideste di recarvi a Ca’ Rezzonico, potrete vedere l’altro capolavoro, e tutti gli altri tesori artistici di quell’epoca.

Canaletto twitter

Canaletto at The Doge’s palace in Venice !

DSCN0020

The “Canaletto e Venezia” exhibition was inaugurated at Palazzo Ducale and will last until 09 June 2019. It is the exhibition of the year, an event that has long been expected. Here, after the great exhibition dedicated to Tintoretto, they managed to propose another major exhibition.

Giovanni Antonio Canal, better known as the Canaletto (Venice, 17 or 18 October 1697 – Venice, 19 April 1768), was an Italian painter and engraver, known above all as a vedutist, whose paintings are famous, and above all scattered throughout the world, especially in England, at the National Gallery in London, thanks to the advice of the British consul Joseph Smith, who was an intermediary between the artist and the main English collectors.

The recently inaugurated exhibition makes it possible to see his magnificent masterpieces, especially those from foreign museums, and in addition to him, there are also works by Luca Carlevarijs, Rosalba Carriera, Giambattista Tiepolo, Pietro Longhi, Francesco Guardi, and Giandomenico Tiepolo , this in order to offer the public a complete vision of the 700 panorama in Venice.

It ‘a spectacular show, which I invite everyone to go see, but if you want to have a broader view of the artist and his time, after the Doge’s Palace, you must also visit the beautiful Museum of Ca’ Rezzonico, museum of the Venetian 700, where one of the two paintings by Canaletto, was lent for the exhibition. So, if after the Doge’s Palace you decide to go to Ca ‘Rezzonico, you can see the other masterpiece, and all the other artistic treasures of that time.

Canaletto twitter english

Diventa Giacomo Casanova !

For the english translation please scroll down the page thank you .

giacomo-casanova2Non molto tempo fa sono andato a vedere il museo di Giacomo Casanova di Venezia. In questo articolo vi illustro i motivi per cui vale la pena di visitarlo ! Se si nomina il nome di Giacomo Casanova, subito tutti pensano a lui come il più grande seduttore della storia, ma lui è stato anche avventuriero, scrittore, poeta, alchimista, diplomatico, filosofo, e agente segreto per conto della Serenissima. Un’altro dettaglio molto importante e famoso che ricordiamo di lui,  è stata la memorabile fuga dalle carceri di Palazzo Ducale: I piombi. 

Giacomo Casanova, aveva molti talenti, e grazie a questi e al fatto che si unì alla massoneria, fu in grado di viaggiare per l’Europa, e  di conoscere personaggi molto importanti.  Tramite la massoneria, conobbe Jean-Jasques Rousseau, Voltarie, Madame de Pompadour, Wolfang Amadeus Mozart, Benjamin franklin, Caterina II di Russia, Federico II di Prussia e altri.

 

Ci furono molte persone influenti che gli permisero di vivere in maniera agiata, tra tutti il patrizio veneziano Matteo Bragadin, che fu soccorso da Casanova, durante un malore. Convinto che lui gli avesse salvato la vita, lo prese sotto la sua protezione. Ma ci furono altri, come la marchesa D’Urfé, nobildonna ricchissima, intrigata dalle doti di Casanova e dalla sua conoscenza di rituali magici.

La sua fuga dai piombi è leggendaria: passò dalla cella alle soffitte, attraverso un buco nel soffitto scavato con un compagno di prigionia, il frate Marino Balbi. Riuscirono a raggiungere il tetto e da li si calarono all’interno del palazzo da un abbaino.  Girovagavano per le stanze, fino a che, furono notati da un passante, che li scambio per degli ospiti rimasti chiusi dentro. Costui chiamò un’addetto di Palazzo per fargli aprire il portone, garantendo loro la fuga.

Ebbene, se il personaggio di Casanova vi affascina così tanto, sappiate che a Venezia in Calle de la Racheta 3764 c’è il suo museo. Avendo sentito nominare questo posto, mi sono recato in visita per saperne di più. Il Museo è bellissimo ! E’ piccolo questo è vero, ma è molto ben spiegato in tutti i suoi dettagli. Inoltre, punto forte del tour, è la realtà virtuale. Per 5 minuti, si ha la possibilità di diventare Giacomo Casanova ! 

C’è una stanza con diverse sedie, e su uno stand, viene offerto un visore e una cuffia, che vi faranno immergere totalmente nella visione. Avendo già provato diverse volte in altri musei questo gadget informatico, non ho esitato, ma non mi sarei mai aspettato di sperimentare qualcosa di così reale ! Il filmato è disponibile in molte lingue, una volta indossato il visore, muovendo la testa si può scegliere la lingua desiderata, dopodiché il filmato parte.

Essendo seduti, spostando la testa si vede un corpo che pensiamo sia il nostro, solo che indossa abiti dell’epoca. Muoviamo la testa, e vediamo veramente le varie location di Venezia. I personaggi che incontrano casanova, si avvicinano, così tanto che ti sembra di toccarli ! Un’esperienza davvero coinvolgente. Il bello del visore, è che dotato di una rotellina per focalizzare bene l’immagine. Inoltre il visore è grande abbastanza da poter essere indossato anche chi ha bisogno di occhiali. 

Il personale che assiste durante la visione della realtà virtuale indossa gli abiti dell’epoca (tutto il personale, anche quello del bookshop) è molto cortese e attento. Mi ricordo una volta che provando la realtà virtuale, non ero seduto su una sedia ma su uno sgabello, e muovendomi, non avevo la percezione della vera realtà e rischiavo di cadere. Tuttavia qui invece, le sedie seppur da regista, danno sicurezza e ribadisco, il personale è sempre pronto ad assistere i visitatori.

 

Un’altra cosa che mi ha colpito molto della visita è uno specchio, che è dotato di un sensore di movimento, che quando qualcuno passa nel suo raggio d’azione, si anima, e riflette l’immagine di Giacomo Casanova nel suo appartamento che si veste per uscire. Molto bello!

Dall’altra parte dello specchio, troviamo la camera da letto, dove con un’altra serie di trucchi, che sfrutta un gioco di ombre, ci da l’illusione di vedere Casanova con una sua amata che si gettano nel letto!

Tutte le sale hanno descrizioni o filmati che spiegano i vari dettagli o episodi della vita / storia di Giacomo Casanova, e quando si esce si ha una visione completa del celebre avventuriero / seduttore.  Per ultima cosa, ho trovato il bookshop / biglietteria a piano terra che offre delle idee interessanti per dei regali, e visto che natale si sta avvicinando, è un’idea da considerare.

Raccomando a tutti di visitare questo museo, sono sicuro che vi piacerà ! Per trovarlo, non vi spaventate dal fatto che è situato un  po fuori mano, scendete alla fermata “Ca’ D’oro” se prendete la linea 1 del vaporetto. Una volta in strada nuova girate a sinistra. Se avete google maps, consultatelo, o da pc prima di andarci o dal cellulare, lo troverete molto facilmente !

Giacomo Casanova twitter

Become Giacomo Casanova

giacomo-casanova2

Not long ago I went to see the Giacomo Casanova museum in Venice. In this article I will tell you the reasons why it is worth to visit! If you think about the name of Giacomo Casanova, everyone immediately thinks of him as the greatest seducer in history, but he was also an adventurer, writer, poet, alchemist, diplomat, philosopher, and secret agent on behalf of the Serenissima. Another very important and famous detail that we remember of him was the memorable escape from the dungeons of Doge’s Palace: I piombi.

Giacomo Casanova, had many talents, and thanks to these and the fact that he joined the masonry, he was able to travel to Europe, and to know very important people. Through the masonry, he met Jean-Jasques Rousseau, Voltarie, Madame de Pompadour, Wolfang Amadeus Mozart, Benjamin Franklin, Catherine II of Russia, Frederick II of Prussia and others.

 

There were many influential people who allowed him to live well, among all, the Venetian patrician Matteo Bragadin, who was rescued by Casanova, during a moment of illness. He was so convinced that Giacomo had saved his life, that he took him under his protection. But there were others, like the marquise D’Urfe, a very rich noblewoman, intrigued by Casanova’s talents and his knowledge of magical rituals.

His escape from the leads is legendary: he passed from the cell to the attics, through a hole in the ceiling dug with another inmate, the friar Marino Balbi. They managed to reach the roof and from there fell into the building by a dormer. They roamed through the rooms, until they were noticed by a passerby, who exchanged them for guests who were locked in for mistake. He called a palace attendant to have him open the door, guaranteeing them the escape.

Well, if the character of Casanova fascinate you so much; know that in Venice at Calle de la Racheta 3764 there is his museum. Having heard of this place, I went there to visit. The museum is very beautiful! It’s very small, but it’s very well explained in all its details. Moreover, the tour’s strong point is the virtual reality. For 5 minutes, you have the chance to become Giacomo Casanova himself!

There is a room with several chairs, and on a stand, a visor / viewer and a headphone are offered, which will totally immerse you in the vision. Having already tried this informatic gadget several times in other museums, I didn’t hesitated, but I never expected to experience something so real! The video is available in many languages; once the viewer is worn, moving the head you can choose the desired language, after that the movie starts.

Being seated, when we move our head we see a body that we think it’s ours, only that is wearing clothes of the time. We move our head, and we really see the various locations in Venice. All the characters that meet Casanova, come so close, that you seem to touch them! A truly intriguing experience. The beauty of the viewer, is that it’s equipped with a wheel to focus well the image. In addition, the viewer is large enough to wear it even for those who need glasses.

The staff who assists the visitors, during the vision of virtual reality wear the clothes of the time (all the staff, including the one at the bookshop) is very courteous and attentive. I remember once when I tried the virtual reality elsewhere, I was not sitting on a chair but on a stool, and moving, I did not have the perception of the real world and I was in danger of falling. However, here,  the chairs, are different and they give you more security, and as, I stated before, the staff is always ready to assist you.

 

Another thing that struck me most of the visit it’s a mirror, which is equipped with a motion sensor, so when someone passes in its range of action, comes alive, and reflects the image of Giacomo Casanova in his apartment while he’s dressing to go out. Very interesting!

On the other side of the mirror, we find the bedroom, where another series of trick, which exploits a play of shadows, gives us the illusion of seeing Casanova with her beloved who are thrown into bed!

All rooms have descriptions or films that explain the various details or episodes of the life / story of Giacomo Casanova, and when you leave you have a complete view of the famous adventurer / seducer. One last thing, I found the bookshop / ticket office on the ground floor that offers interesting ideas for gifts, and since Christmas is approaching, it is an idea to keep in mind.

I recommend everyone to visit this museum, I’m sure you’ll like it! To find it, do not be afraid by the fact that it is located a little out of the way, just get off at the stop “Ca ‘D’oro” if you take the vaporetto line 1. Once in strada nuova turn on the left. If you have google maps, consult it, or from pc before going there or from your mobile, you will find it very easily!

Giacomo Casanova twitter english.png

 

Visita alla Keyline – Incontro tra due realtà

20170126_174641

Uso questo spazio di WordPress per dedicarlo ai miei blog sulle iniziative del MUVE: la Fondazione dei Civici Musei di Venezia, questo perché, ho un forte desiderio, che i nostri magnifici musei siano visitati, conosciuti da più gente possibile, sia Italiani, che stranieri.

Ho parlato di molti dei suoi musei, delle loro mostre, e tuttavia, c’era ancora qualcosa di cui non ho parlato: un museo, che sebbene non appartenga al MUVE, è legato ad esso, e si tratta del Museo delle chiavi della Keyline di Conegliano Veneto.

Giorni or sono ricevetti l’invito dalla Presidente della Fondazione dei Civici Musei di Venezia, la Dott.ssa Mariacristina Gribaudi, di vedere questo loro museo (privato) e la loro fabbrica di produzione chiavi e macchine duplicatrici. Accettai con entusiasmo, in quanto, volevo capire a fondo  il concetto che la Presidente sta cercando di portare avanti: avvicinare due mondi, che ad una prima occhiata sembrano scollegati da loro, portare la fabbrica ai Musei. C’è veramente un punto d’incontro tra questi due ambienti ?

Mentre sono in treno, verso la splendida città di Conegliano Veneto, mi viene in mente, che tale incontro presenta delle coincidenze alquanto incredibili: perché se non ricordo male, la produzione delle chiavi nota forse con un’altro nome, se non vado errato come “Silca”, ancora prima di stabilirsi a Conegliano, era a Brescia in Via Longhena, che fu il primo architetto ad occuparsi del restauro del Palazzo di Cà Rezzonico, su incarico della famiglia Bon, precedente proprietario, ma che non vide la fine dei lavori, causa difficoltà economiche e la morte dello stesso Longhena. Solo più tardi, con l’arrivo dei Rezzonico, il Palazzo fu affidato ad un’altro architetto di nome Giorgio Massari, e guarda caso, un mio parente stretto porta quel cognome. Forse non sono coincidenze interessanti, ma di sicuro, mi portano a pensare che sia qualcosa di positivo e ben augurale per questo incontro.

Arrivo alla sede della Keyline, un’azienda che ha cominciato la sua attività sin dal 1770, e anche qui, mi viene in mente un’altro parallelo, perché, la famiglia Rezzonico, giunse a Venezia intorno al 1750.. sempre più coincidenze… C’è da dire una cosa.. la Keyline sebbene sia situata in pieno centro industriale, ha un panorama che lascia togliere il fiato ! Qui siamo in collina, e sullo sfondo,una bella giornata come questa, si vedono le montagne così vicine, che ti sembra di toccarle ! Con una vista come questa, ti fa pure piacere andare a lavorare !

Per prima cosa, ho visitato il loro museo, che presenta dei reperti storici incredibili. Per la prima volta, mi trovo dall’altra parte, ovvero non sono io che spiego, ma colui che ascolta la spiegazione, non mi era mai successo prima ! La signorina Martina, mi ha condotto al suo interno, e mi ha spiegato, gli oggetti più particolari di questa collezione. E’ incredibile che sin dall’epoca dei Sumeri, si era cominciato a fabbricare chiavi, lucchetti, serrature, stabilendo quindi, che già allora, c’era la necessita, il desiderio di proteggere se stessi e le proprie cose di valore, un fatto storico – sociale di notevole importanza.

Alcuni modelli di chiavi, mi portato alla mente, quelle che ho visto all’interno di Palazzo Ducale, dove ho prestato servizio per lungo tempo, c’erano esemplari da ogni luogo,di ogni forma, di diverse epoche, tutto molto interessante ! Addirittura, ho visto degli esemplari di primi lucchetti a combinazione, non solo numerici ma anche letterali !! Le infinite combinazioni che si potevano raggiungere all’epoca con quei lucchetti, mi lascia veramente sorpreso !!

Sono stato portato poi, a visitare la fabbrica, dove ho potuto ammirare i diversi passaggi per le creazioni di chiavi e delle macchine duplicatrici. Confesso che per me tutto questo è un mondo nuovo ! Penso che neanche con la scuola, sia mai andato a visitare un’ambiente di fabbrica. Li ho imparato la differenza tra chiavi elettroniche, chiavi laser, le comuni chiavi che noi usiamo tutti i giorni! Ho visto i processi tra una fase e l’altra, mai e poi mai, mi sarei immaginato, come un’oggetto di uso comune richieda così tanto lavoro, tanta esperienza, tanta precisione!

Il bello della visita, è che ho conosciuto molte persone, ognuna mi spiegava le cose relative al suo settore di appartenenza, molte già mi conoscevano per via del mio blog. Erano tutti simpaticissime, ho vissuto con ognuno di loro un vero e proprio scambio di informazioni, perché loro mi parlavano dell’azienda, e io con loro parlavo dei musei. Molti di loro, quest’estate sono venuti in visita collettiva organizzata dall’azienda a Palazzo Ducale e al Museo del Vetro di Murano.

In effetti la Keyline organizza molte iniziative per i suoi dipendenti, oltre alla visita nei nostri musei, c’è stata anche una festa al suo interno, una foto li ritrae tutti insieme con in testa un cappello da pirati. Non a caso fuori nel cortile, tra le bandiere dell’Italia, dell’azienda, compare quella con il Jolly Roger, la bandiera è stata issata sui cancelli della ditta per seguire le orme del scomparso Genio informatico Steve Jobs, il quale, fu proprio lui che adoperò quel simbolo, quando creò un team di persone che pensavano fuori dagli schemi, che erano appassionate, testarde, che non conoscevano la parola sconfitta, o fallimento. Persone che credevano veramente in quello che facevano. Come Steve Jobs, anche la Keyline crede fermamente in questi principi: sfidare se stessi, guardare lontano, essere positivi nonostante la tempesta sia attorno a te, nuotare contro corrente, affrontare i rischi,  fornire alla squadra quello di cui hanno bisogno, per garantire loro di sfruttare il massimo delle loro potenzialità.

Numerose sono le testimonianze affisse ai muri, foto di questi ed altri eventi, di gite scolastiche di bambini in visita presso i locali, letterine di ringraziamento, lavori svolti da loro stessi con le chiavi. Queste sono tutte le prove delle varie iniziative intraprese, un vero e proprio feedback. In breve, la Keyline è un’azienda leader non solo per i suoi prodotti di alta qualità, le tecnologie all’avanguardia, ma sopratutto, si distingue per le sue relazioni interne per il personale, ognuno di loro aiutato e supportato per esprimere il meglio di se stesso.

Se tali linee guida fossero applicate anche negli ambienti museali, oserei ipotizzare un futuro senza limiti per il turismo dei nostri musei e di Venezia. Fondazione e operatori museali uniti per fronteggiare la crisi economica, per portare la conoscenza in ogni famiglia, aiutati, supportati per raggiungere il massimo degli obiettivi ! E’ con questi pensieri che lascio la Keyline nel pomeriggio. La fabbrica e il museo… si voglio crederci anch’io !

S. Valentino

carezzonico s.valentino copy.jpg

For the english version, please scroll down the page

E dopo Carnevale, ecco un’altra splendida occasione per voi tutti che venite a visitare Venezia ! Quale magnifica occasione di visitare una città romantica come Venezia, proprio nel giorno di S. Valentino ! E perché non farlo dentro ai Musei Civici ?

Una leggenda, dice che il ponte dei sospiri di Palazzo Ducale, è il ponte degli innamorati, ma purtroppo devo confessarvi che non è così. I sospiri non erano di innamorati , ma di condannati alle prigioni del Palazzo, e quando attraversavano il ponte, attraverso le inferiate, potevano vedere per l’ultima volta il mondo esterno, ecco il perché dei sospiri.

Ma leggenda a parte, tutta la città di Venezia è romantica e meta ideale per il vostro S. Valentino, e potete prendere due piccioni con una fava e visitare i magnifici Musei Civici ! Palazzo Ducale, Museo di Cà Rezzonico, Museo Correr, Palazzo Fortuny, Casa Goldoni, Palazzo Mocenigo, Museo di Cà Pesaro ! Sono tutte mete speciali per passare un week end (o più giorni) per le coppie innamorate.. Vi aspettiamo !!

S. Valentine’s day in Venice !

Valentine's day copy.jpg

And after the Carnival, you have another wonderful opportunity  to visit Venice! What a unique occasion to visit a romantic city like Venice, right in the Valentine’s Day! And why not do it visiting the beautiful Civic Museums?

A legend says that the bridge of sighs of the Doge’s Palace, is the bridge of lovers, but unfortunately I have to confess that it is not true! The sighs were not from men in love, but from the sentenced criminals to the prisons of the palace, when they crossed the bridge, through the bars, they could see for the last time the outside world, that’s why they sighed.

But legends aside, the whole city of Venice is romantic and ideal destination for your S.Valentine’s day and  you can kill two birds with one stone choosing to visit the magnificent Civic Museums while you are there! The Doge’s Palace, the Museum of Ca ‘Rezzonico, Correr Museum, Fortuny’s Palace, Goldoni’s House, Mocenigo’s Palace, the Museum of Cà Pesaro! They are all special places to spend a weekend (or more days) for couples in love .. Come, we will welcome all of you with open arms !!

Acqua e cibo nella storia di Venezia

Acqua e cibo nella storia di Venezia

(for the english version, please scroll down the page)

Questa volta vi voglio parlare, della mostra che si tiene a Palazzo Ducale a Venezia: “ACQUA E CIBO A VENEZIA. Storie della Laguna e della città”. E’ una mostra che si tiene negli appartamenti privati del Doge dal 26 settembre 2015 al 14 febbraio 2016. Una mostra che sembra collegata con l’ EXPO 2015 e il suo tema portante “Nutrire il Pianeta: energia per la Vita”, più che altro, semmai, è una mostra complementare, nel senso che offre un punto di vista totalmente insolito, in quanto Venezia è una città unica, particolare, e si differenzia da tutte le altre per quanto riguarda il suo territorio, e quindi i suoi modi di sostentamento.

La mostra offre ai visitatori un forte impatto tecnologico, in quanto le spiegazioni, gli approfondimenti, sono per la maggior parte interattivi per mezzo di televisori touch screen, proiettori 3d, modellini in scala, e narrazioni digitali, che vanno a complementarsi ai pannelli esplicativi bi lingue delle diverse aree.

  • La Laguna si trasforma
  • Acqua e cibo in laguna e terra ferma
  • Banchetti, feste, sagre, ect
  • L’architettura e l’alimentazione
  • L’approvvigionamento dell’acqua di una città particolare come Venezia

La prima area, come menzionato sopra, riguarda il cambiamento del territorio della laguna veneziana nel corso del tempo. La prima sala infatti ospita una serie di mappe che mostrano, come sia cambiato l’ambiente, le opere idrauliche fatte ad opera della Repubblica per lo sviluppo delle coltivazioni, della pesca e della produzione alimentare, per migliorare le vie di comunicazione da e per la terraferma, fondamentali luoghi di scambi e di distribuzione delle merci. Mappe di media grandezza appese al muro e di grandi dimensioni esposte in bacheca, sono molto interessanti e trovo la loro collocazione, assolutamente perfetta, in quanto la sala adiacente, non è altro che la sala delle mappe !

La seconda area è molto importante in quanto dà risalto ad alcune figure della Venezia di allora, quali: pescatori, frutaroli e pistori, che ritroviamo nei stupendi quadri di Pietro Longhi, alcuni dei quali provenienti dal secondo piano del stupendo museo di Cà Rezzonico, e anche presenti nel museo della casa di Carlo Goldoni. In un modo o nell’altro i musei della Fondazione sono uniti tra di loro e pertanto dopo aver visitato la mostra, si può benissimo visitare i due menzionati musei per un approfondimento. Tornando comunque alla mostra di Palazzo Ducale, ho trovato molto interessante, il fatto che un manoscritto antico, è stato riprodotto in digitale, in formato pdf penso, e lo si può studiare, muovendo le pagine avanti e dietro, come se fosse un vero libro, con un dito, come si fa con un ebook ! In questa maniera si possono salvare gli antichi documenti e studiarli a nostro piacimento in ogni luogo. Altro dipinto da menzionare: “La creazione degli animali ” di Jacopo Tintoretto, che offre una panoramica  della grande varietà di pesci ed uccelli presenti sul territorio anfibio veneziano.

La Terza area, è dedicata a feste, banchetti, sagre.. tutte occasioni di ritrovo dove si possono ammirare le varie pietanze che vengono consumate, al giorno d’oggi, viene da pensare alla festa del Redentore, ma in passato c’erano altre occasioni, come “la sagra di S. Marta” raffigurata da Gaspare Diziani.  Insomma si possono ammirare quadri di feste di gente comune, e di sontuosi banchetti come quello di Abigail e Nabal ad opera di Francesco Zugno e Francesco Battaglioli.  Inoltre potete trovare il disegno ad opera di Antonio Canaletto e Gianbatista Brustolon, della partenza del Doge sul bucintoro per la cerimonia dello sposalizio di Venezia col mare.

La quarta area: l’architettura e l’alimentazione, continua con la sezione dedicata all’architettura, mostrando i luoghi di raccolta e di distribuzione di generi alimentari quali gli ospedali, i monasteri,  e le osterie. In una piccola stanza, sul pavimento ci sono 3 modellini in scala dell’isola di S. Secondo, o isola di S. Erasmo, che illuminati da un proiettore sul soffitto mostra come sia cambiata nel corso della storia.

isola s.secondo

isola s.secondo2

La storia che ci propone il proiettore sull’isola di S. Secondo inizia intorno al 1034, Inizialmente l’isoletta fu chiamata Sant’Erasmo. Nel 1034 la famiglia Baffo vi costruì una chiesa e un convento di monache benedettine, poi nel 1533, al posto delle benedettine vi succedettero i frati domenicani. Dal 1569, a causa dell’incendio dell’Arsenale, la Serenissima decise di trasferire le polveriere in varie isole tra cui San Secondo. Nel 1576, fatti allontanare i religiosi, l’isola divenne lazzaretto per gli appestati e, al loro rientro, i domenicani dovettero riattare il monastero e riedificare la chiesa, che fu consacrata nel 1608. L’sola fù poi abbandonata nel 1797 a causa dell’occupazione francese, e successivamente nel 1806. Si sa che poi l’isola divenne presidio militare e e divenne una vera fortezza con tredici pezzi, due da 18, tre da 36, quattro da 24 e due obici da 8 e cinque mortai da 12, oltre a due cannoni da 6. Fu occupata durante l’occupazione Austriaca. Nel 1968 è stato ceduto in concessione, assieme a tutta l’isola, a dei privati e al giorno d’oggi essa risulta in stato di abbandono.

L’ultima area finisce con la sezione In mezzo all’acqua/senz’acqua”, dove si parla della difficoltà dell’approvigionamento di riserve d’acqua, che può sembrare strano in una città come Venezia, che è circondata dall’acqua!

Assolutamente non posso dimenticare le interviste da parte di noti studiosi, su alcune opere, a disposizione dei visitatori su un televisore touch screen, dove si possono scegliere i vari argomenti.

  • Il più bel quadro del mondo
  • Dame, laguna e simboli
  • Carpaccio e la pittura fiaminga
  • L’opera e i suoi enigmi
  • La laguna veneta e i casoni
  • Struttura dei casoni
  • I casoni oggi
  • I casoni dell’entroterra
  • Le vie lagunari
  • Caccia e pesca in laguna
  • Le campane in laguna
  • Barche Veneziane

Le prime quattro scelte, sono quelle che mi hanno attirato di più, dove si parla del famoso quadro, “Le dame Veneziane”del Carpaccio, che fino ad’ora ho pensato fosse uno, quando invece si è scoperto, che con un altro quadro scoperto da poco, messo sopra, completa l’opera.

Le dame veneziane Vittore_carpaccio,_caccia_in_laguna,_1490-1495_ca,_getty_museum Vittore_carpaccio,_due_dame_veneziane_e_caccia_in_laguna

Mostra molto interessante, ottima la scelta di collocazione dentro Palazzo Ducale, così la gente avrà un motivo in più per visitarlo, ma date retta al sottoscritto: quando guardate le opere, date un’occhiata ai cartellini esplicativi, oltre a vedere il titolo e il nome dell’artista, guardate anche la loro provenienza, questo magari vi inspirerà a visitare anche i musei che lo possiedono, e che offrono tante altre opere da ammirare.

English Version:

Food and Water in the lagoon through history of Venice

This time, I want to talk about, the exhibition held at the Doge’s Palace in Venice: “WATER AND FOOD IN VENICE”. Stories of the Lagoon and the city. It ‘a show that takes place in the private apartments of the Doge from 26 September 2015 to 14 February 2016. An exhibition that seems connected with the’ EXPO 2015 and its main theme “Feeding the Planet: Energy for Life” more than anything else If anything, it shows a complementary, in the sense that it offers a point of view totally unusual in that Venice is a unique city, particularly, and it differs from all others in terms of its territory, and therefore their livelihoods .

The exhibition offers to the visitors a strong technological impact, as explanations, insights, are for the most part by means of interactive touch screen televisions, projectors 3d, scale models, and digital narratives ranging in complement to the explanatory panels bi languages of the different areas.

  • The Laguna is transformed
  • Food and water in the lagoon and the mainland
  • Banquets, parties, festivals ect
  • The architecture and the power
  • The water supply of a particular city such as Venice

The first area, as mentioned above, concerns the change of the territory of the Venetian lagoon in the course of time. The first room it hosts a series of maps which show, as the environment has changed, the engineering work done at the hands of the Republic for the development of crops, fisheries and food production, to improve roads to and from the mainland, the fundamental places of exchange and distribution of goods. Maps of average size on the wall and large display on the bulletin board, are very interesting and I find their location, absolutely perfect, because the adjacent room, is nothing but the maps room!

 The second area is very important as it gives prominence to some figures of Venice of the time, such as fishermen, frutaroli, Pistori, that we find in the beautiful paintings by Pietro Longhi, some of whom came from the second floor of the beautiful museum Ca ‘Rezzonico, and they also can be seen at the museum of Carlo Goldoni’s house. In one way or another, the museums of the Foundation, they all are linked together, so after visiting the exhibition, you can  visit the two museums mentioned before for further discussion. Returning however to the exhibition at the Doge’s Palace, I found very interesting, the fact that an ancient manuscript, has been reproduced digitally in pdf format I think, and you can study, moving the pages back and forth, as if it were a real book , with a finger, as you do with an ebook! This way, you can save the ancient records and study them at will everywhere. Another painting by mentioning: “The Creation of the Animals” by Jacopo Tintoretto, which provides an overview of the wide variety of fish and birds in the area amphibious Venetian.

The third area is dedicated to parties, banquets, festivals .. all occasions of meeting place where you can admire the variety of foods that are consumed, nowadays, that make you to think of the Feast of the Redeemer, but in the past there were other occasions, such “the feast of St. Martha” represented by Gaspar Diziani. So you can admire paintings of parties with ordinary people, and sumptuous banquets like that of Abigail and Nabal by Francesco Zugno and Francesco Battaglioli. Also look for the design by Antonio Canaletto and Gianbatista Brustolon, the departure of the Doge on the bucintoro for the wedding ceremony of Venice with the sea.

The fourth area: the architecture and food, continues with the architecture section, showing the locations of collection and distribution of food such as hospitals, monasteries, and taverns. In a small room, on the floor there are 3 scale model of the island of S. Second, or island of St. Erasmus, who illuminated by a projector on the ceiling shows how it changed the course of history.

isola s.secondo2

isola s.secondo

The story that we hear, and see thank to  the projector, on the island of St second; According, starts around 1034, initially the island was called Erasmo, in 1034 the family Mustache built a church and a convent of Benedictine monks, then in 1533,  the Benedictines there succeeded by the Dominicans friars. From 1569, due to the fire of the Arsenal, the Venetian Republic decided to transfer the powder in various islands including St Second. In 1576, men were sent away, the island became a hospital for plague victims and, then the Dominicans friars  return, they had to rehabilitate and rebuild the monastery church, which was consecrated in 1608. The island was abandoned in 1797 because of ‘French occupation, and again in 1806. It is known that then the island became a military and and became a real fortress with thirteen pieces, two 18, three 36, four howitzers from 00:02 to 8:05 mortars 12, as well as two guns 6. It was occupied during the occupation of Austria. In 1968 he was given in concession, the private and nowadays it is abandoned.

The last area ends with “In the middle of the water / no water”, which speaks of the difficulty of Supply of water reserves, which may seem strange in a city like Venice, which is surrounded by water !

Absolutely, I can not forget the interviews by well-known experts about some of the works, available to visitors on a TV touch screen, where you can choose from the various topics.

  • The most beautiful picture in the world
  • Dame, lagoon and symbols
  • Carpaccio and painting fiaminga
  • The work and its enigmas
  • The Venetian lagoon and casoni
  • Structure of Casoni
  • The Casoni today
  • The Casoni hinterland
  • The streets lagoon
  • Hunting and fishing in the lagoon
  • The bells in the lagoon
  • Boats of Venice

The first four choices, are what attracted me more, where they talk about the famous painting, “The Venetian ladies” by Carpaccio, which until few time ago I thought it was only one, when in fact it turned out, that with  another picture, put on above, complete the work.

Vittore_carpaccio,_due_dame_veneziane_e_caccia_in_laguna Vittore_carpaccio,_caccia_in_laguna,_1490-1495_ca,_getty_museum Le dame veneziane

 

 

 

 

 

 
 

Very interesting exhibition, excellent choice of location inside the Doge’s Palace, so the people will have another reason to visit, but listen to myself: when you look at the works, take a look at the explanatory labels, in addition to seeing the title and artist name, look also their origin, maybe this will inspire you to visit the museums that own it, and they offer many other works to admire.