Se Dio è con noi…

For the English Translation, please scroll down the page, thank you.

Sul bellissimo museo di Ca’ Rezzonico, ci sarebbe così tanto di cui parlare, che non si finirebbe più, se non a notte fonda inoltrata. Tuttavia c’è un’argomento di cui non si parla tanto, e pochi notano: l’emblema della famiglia Rezzonico.

Possiamo ammirare l’emblema della famiglia a piano terra, sopra la fontanella che ospita un’attrazione molto gettonata da grandi e piccini, ovvero, questa piccola fontanella che ospita le due grandi carpe giapponesi e le 3 tartarughe; e al primo piano, proprio di fronte alle porte d’ingresso della sala da ballo, quest’ultimo ad opera dell’artista Giambattista Crosato, che fece anche l’affresco sul soffitto, raffigurante il carro di Apollo e i 4 continenti, all’incirca nel 1754.

La famiglia Rezzonico acquistò il Palazzo dagli ultimi eredi della famiglia Bon, i quali non riuscivano a sostenere le spese economiche del restauro, cosa che fu possibile per il capo famiglia Giambattista Rezzonico, che proveniva dalla Lombardia, dove commerciava in tessuti e possedeva una banca. Un ramo della famiglia, da Como si trasferì a Venezia, e cominciò la storia dei Rezzonico nella città Veneziana.

La cosa particolare dell’emblema, non sono tanto le due torri, l’aquila a due teste, ma l’iscrizione in latino, posizionata sopra che dice “Si Deus Pro nobis“, che tradotto, più o meno vuol dire “Se Dio è con noi“. E’ una frase molto importante, in quanto si stabilisce, (che secondo i Rezzonico), Dio era dalla loro parte. Se Dio permetteva che i Rezzonico fossero ricchi, e potenti, voleva dire che era dalla loro parte, quindi i loro avversari, dovevano stare attenti, perché, mettersi contro i Rezzonico, voleva dire anche mettersi contro Dio.

Ogni sala, ogni angolo di questo stupendo museo, offre un sacco di spunti e riflessioni, sia dal punto di vista storico, architettonico, e pittorico. Continuate a seguire i miei post, alla scoperta di questo bellissimo museo !

If God is with us..

On the subject about the beautiful Ca ‘Rezzonico museum, there would be so much to talk about, that we would never end, until late at night. However, there is one topic that is not talked about much, and few people notice: the emblem of the Rezzonico family.

We can admire the emblem of the family on the ground floor, above the fountain that houses an attraction very popular with young and old people, this small fountain that houses the two large Japanese carp and the 3 turtles; and on the first floor, right of in front of the entrance doors of the ballroom, the latter by the artist Giambattista Crosato, who also painted the fresco on the ceiling, depicting the chariot of Apollo and the 4 continents, around 1754.

The Rezzonico family bought the palace from the last heirs of the Bon family, who could not afford the economic costs of the restoration, which was possible for the head of the family Giambattista Rezzonico, who came from Lombardy, where he traded in fabrics and owned a bank. A branch of the family moved from Como to Venice, and the history of the Rezzonico family began in the Venetian city.

The particular thing about the emblem is not so much the two towers, the two-headed eagle, but the Latin inscription, positioned above that says “Si Deus Pro nobis”, which translated more or less means “If God is with us “. It is a very important sentence, as it is established that (according to the Rezzonico), God was on their side. If God allowed the Rezzonico to be rich, and powerful, it meant that he was on their side, so their opponents had to be careful, because, going against the Rezzonico also meant going against God.

Every room, every corner of this wonderful museum, offers a lot of ideas and reflections, both from a historical, architectural, and pictorial point of view. Keep following my posts, and we will discover more about this beautiful museum!

Riaprono i musei di Venezia !!

Riaprono i musei di Venezia ! Visitiamoli, o facciamo uso delle visite esclusive su prenotazione. Facciamo ripartire il turismo e la nostra economia !!!

 

Qualità da leadership

For the English translation, please scroll down the page. Thank you !

 

Copia di Il capo incute paura; il leader ispira entusiasmo.” HARRY GORDON SELFRIDGE SR

Continua il mio blog sul mio passato da Operatore Museale, parlando questa volta, non tanto di me, ma di alcune persone chiave, che mi hanno impressionato molto e che ritengo, siano state le prime, a dimostrare le vere qualità da leader, in un tempo, quando ancora non si parlava di queste cose.

Un paio di mesi dopo la mostra di Tiziano a Palazzo Ducale, sempre intorno al 1990 / 1991,  io e altri colleghi fummo richiamati dalla nostra azienda (che adesso non esiste più), per un altro lavoro. Basta mostre temporanee, qui si parlava dell’itinerario permanente di Palazzo ducale. All’epoca il direttore del principale museo di Venezia, era l’architetto Umberto Franzoi. Nella mattinata, poco prima di cominciare a lavorare, egli volle incontrarci tutti, e ci convoco nel suo studio. Voleva conoscerci tutti, capire chi eravamo, in fin dei conti, gli operatori museali, erano , e saranno sempre l’immagine che rappresentano i musei nelle menti dei visitatori. Ci guardò uno a uno, e ci spiego brevemente quali erano le nostre mansioni, rispondendo alle nostre domande. Un comportamento singolare, ma positivo, e non fu neanche l’ultimo. Passò un paio di anni, forse, ero di turno nella sala del Senato, quando mi giunse voce, che stava arrivando il Direttore per un’ispezione a sorpresa, e purtroppo in quel momento, ero da solo, in quanto un mio collega, era indisposto, e si era assentato un attimo. Che fare, le sale erano piene ! Fu li, che diedi il meglio di me stesso, girando sala per sala, a velocità fulminea, controllando tutti i turisti, facendo loro capire che “no, non si possono fare foto” (all’epoca non si potevano farle), e “no signore, nemmeno senza flash” e ancora, pregando gentilmente una coppia, che non ci si poteva sedere per terra, spiegando dove si trovava il ponte dei sospiri, insomma, ero un turbine, ero simultaneamente in ogni luogo! Quando arrivo il direttore dopo avermi osservato per un po, mi si avvicinò, e mi diede un pugno sulla spalla, dicendo “bravo !” Crisi evitata ! Mi ricordo che mi spiegò brevemente gli autori dei dipinti sul soffitto, e poi se ne andò sorridendo verso le altre sale.

Per gestire te stesso, usa la testa; per gestire gli altri usa il cuore. (Eleanor Roosevelt)

Ma non fu l’unica persona ad avere quelle qualità. Moltissimi anni dopo (circa 2010), fui trasferito, nel bellissimo museo di Ca’ Rezzonico, ero al terzo piano, quando mi vedo arrivare un signore, che comincia a scattare foto a manetta. Gentilmente gli faccio osservare, che non si possono fare, ma poi mi viene detto che è il direttore del museo ! Lui sorridendo mi disse “tranquillo, hai fatto il tuo lavoro” Il Dott. Pedrocco, era una persona eccezionale, lui diceva spesso “ragazzi, se avete un problema, la porta del mio ufficio è sempre aperta!” ed non era una frase gettata là. Era quel genere di persona, con cui si poteva parlare di tutto, che se ti vedeva per strada, era sempre pronto ad offrirti un passaggio in auto.

A pochi anni di distanza, di servizio per la prima volta nel stupendo Palazzo Mocenigo, sono al primo piano nobile, e mentre passeggio per le stanze controllando che tutto sia a posto, dalle scale si avvicina una signora, che mi squadra e si presenta: “buongiorno sono la Dott.ssa C. S. vedo una persona nuova oggi, come si trova, bene ? I sui colleghi le hanno spiegato tutto ? ” E io rispondo, si tutto bene, e quando lei sorridendo se ne va, rimango li a pensare, da quale pianeta proviene, perché poche son le volte che un operatore museale, viene trattato così bene. E non sempre, si trovano persone così meravigliose.. alcune passano per le sale del museo, senza nemmeno dire “buongiorno”, passano avanti come se non ci fossimo. L’ultimo evento, successo di recente, (un paio di anni fa) vede un gruppetto di dirigenti, venuti ad ispezionare, delle sale soggette a restauro. Ricordo chiaramente, che a fine della loro visita, solo una ci auguro “buon lavoro a tutti !” il resto di loro, non proferì alcuna parola…

Un bravo leader può ottenere molto anche dagli uomini peggiori mentre un generale incapace riesce a demoralizzare persino le truppe migliori.
(John J Pershing)

Queste persone, queste loro qualità di leadership, lasciano un segno, un impressione, un ricordo destinato a perdurare, perché è grazie a persone come loro che un’azienda raggiunge il successo, una società può cambiare, l’essere umano, può raggiungere traguardi inaspettati. Per le persone che non ci sono più, porto dentro di me, un bellissimo ricordo, e per quelle che ancora ci sono, portano una speranza, che specialmente in periodi bui come questo del Covid-19, le cose possano cambiare in meglio.

Leadership quality

Copia di Il capo incute paura; il leader ispira entusiasmo.” HARRY GORDON SELFRIDGE SR (1)

Let’s continue my blog about my past as an attendant museum, talking this time, not so much about me, but about some key people, who have impressed me most and who I think were the first to show the true qualities of a leader, in a time, where the topic about the difference between a boss and a leader didn’t exist yet.

A couple of months after Tiziano’s exhibition at the Doge’s Palace, around 1990/1991, other colleagues and I were called back by our company (which no longer exists), for another job. No more temporary exhibitions, here we talked about the permanent itinerary of the Doge’s Palace. At the time the director of the main museum in Venice was the architect Umberto Franzoi. In the morning, just before starting to work, he wanted to meet us all, and he summoned us to his study. He wanted to get to know us all, to understand who we were, after all, the attendants museum were, and always will be the image that represent the museums in the visitors’s mind. He looked at us one by one, and he explained briefly what our duties were, answering to all our questions. A singular but positive event, but it wasn’t the last one either. A couple of years passed,  I was on duty in the Senate room, when I heard the rumor, that the Director was coming for an surprise inspection, and unfortunately at that time, I was alone, as a colleague of mine was not feeling well, and he was absent for a moment. What to do, I said to myself, the rooms were full! It was right there that I gave my best, moving from room to room, at lightning speed, checking all the tourists, making them understand that “no, you can’t take pictures” (at the time they couldn’t take them), and ” no sir, not even without flash “and again, explaining kindly to a couple, that they couldn’t sit on the ground, telling them where the bridge of sighs was, in short, I was a like a tornado, I was simultaneously everywhere! When he arrived, after watching me for a while, he came toward me, and punched me on the shoulder, saying “good, well done!” Crisis avoided! I remember that he briefly explained to me, who were all the artist of the paintings on the ceiling, and then left smiling towards the other rooms.

To handle yourself, use your head; to handle others, use your heart. (Eleanor Roosevelt)

But he wasn’t the only person to have those qualities. Many years later (around 2010), I was transferred to the beautiful museum of Ca ‘Rezzonico, I was on the third floor, when I see a gentleman arrive, who begun to take a lot of pictures ! I kindly point out to him, that they couldn’t be done, but then, someone told me that he was the director of the museum! He said smiling “relax lad, you did your job” Dr. Pedrocco was an exceptional person, he often said “guys, if you have a problem, the door to my office is always open!” and it was not a sentence thrown there like that. It was that kind of person, with whom you could talk about everything, that if he saw you on the street, he was always ready to offer you a ride in the car.

A few years later, serving for the first time in the beautiful Mocenigo Palace, I was on the first noble floor, and while I walked around the rooms checking that everything were in order, I see a lady approaching by the stairs, who looks at me and introduces herself: “Hi, I’m Dr. C.S.  I see you are new around here, how you  doing?  Did your colleagues explain everything to you?” And I shyly answered, yes, I am ok thank you, and  she left smiling, while, I was there thinking, from which planet she came from, ‘cause there were really few times that an attendant museum was treated so well. And not always, there were such wonderful people .. some of them pass through the halls of the museum, without even saying “good morning”, they pass on as if we were not there. The latest event, which happened recently, (a couple of years ago) sees a small group of managers, who came to inspect, some rooms subject to restoration. I clearly remember that at the end of their visit, only one wishes us “good job to everyone!” the rest of them did not utter a single word …

A competent leader can get efficient service from poor troops, while on the contrary an incapable leader can demoralize the best of troops.
(John J Pershing)

These people, their leadership qualities, leave a mark, an impression, a memory destined to persist, because it is thanks to people like them that a company achieves success, a society can change, a human being, can achieve unexpected goals. For people who are no longer with us, I carry within me a beautiful memory, and for those who are still here, they bring hope, that, especially in dark times like this in Covid-19, things can change for the better.

L’inizio di una storia..

For the English translation, please scroll down the page. Thank you !

cropped-imagine-profilo

Verso la metà del mese di giugno del 1990, cominciò la mia carriera come operatore museale. Doveva essere semplicemente, un lavoro di pochi mesi, eppure da quella data, continuo a lavorare nei bellissimi musei civici di Venezia, e sono sempre più appassionato del mio lavoro.

In quel periodo c’era la mostra di Tiziano, organizzata a Palazzo Ducale, con l’aiuto di musei e gallerie di tutto il mondo, tra i quali: l’Ashmolean Museum di Oxford, il Detroit Istitute of Art, la collezione Thyssen-Bornemisza di Lugano, la biblioteca Marciana e le gallerie dell’accademia di Venezia, Koninklijk Museum  Voor  Shone Kunsten di Anversa, il Metropolitan Museum of Art di New york, il Museo del Louvre di Parigi, il Museum Boymans-Van Beunigen di Rotterdam, il Museo del Prado di Madrid, il Museo dell’Ermitage di S. Pietroburgo, la National Gallery of Art di Washington, lo stesso Palazzo ducale di Venezia e tanti altri.

Fu una delle più belle esperienze della mia vita, di cui ho tanti bei ricordi. Il lavoro era suddiviso in due turni, in quanto Palazzo Ducale, a quel tempo, solo per la mostra, era aperto fino a tarda serata: dalle 09.00 fino alle 16.00 il primo turno e il successivo fino alle ore 23.00.

Il lavoro non era faticoso, sebbene c’era sempre tanto da fare: le sale erano sempre strapiene, con tantissimi gruppi, tanto è vero, che dovevamo prestare attenzione a quanta gente poteva entrare in sala, e bloccavamo i gruppi, prima di entrare nella sala successiva, quando l’altro gruppo avanzava. Era un lavoro un po.. diplomatico, perché ovviamente, sia i singoli che i gruppi, premevano per avanzare, e bisognava agire con molto autocontrollo.

Il turno serale era forse quello che preferivo di più, in quanto, quando avevamo la pausa cena, avevamo a disposizione per noi, una delle balconate del Palazzo, e mentre mangiavamo potevano godere della stupefacente bellezza di Venezia di notte, uno spettacolo veramente unico.

Anche se si finiva alle 23.00 non c’erano problemi, in quanto, anche a quell’ora i mezzi di trasporto erano garantiti, e sia il personale che i turisti, potevano rientrare nelle loro abitazioni / hotel. E’ un punto su cui tutt’ora cerco di far capire a tutti quelli che mi seguono nell’ambiente museale / turistico: Il successo delle aperture serali dei musei, può funzionare SOLO se si garantiscono i mezzi per il ritorno. E’ importante sia per il personale, ma lo è altrettanto per i turisti. Se i mezzi vengono a mancare, è ovvio che lasceranno i musei prima, e non solo quelli, ma anche i ristoranti, teatri. I trasporti sono essenziali !

Jpeg

Questa foto appartiene alla copertina del catalogo di quella mostra. E’ in mio possesso, all’epoca, era un’usanza regalare a fine mostra i cataloghi agli operatori museali. Penso che quella fu l’ultima volta che lo fecero, peccato, perché era un gesto apprezzammo molto. Era, come dire, un gesto di ringraziamento nei nostri confronti, per il lavoro svolto. A dire il vero, questo è un’altro punto, su mi piace parlare molto: sono dell’opinione che questi testi, dovrebbero essere a disposizione degli operatori museali. In primis, in quanto se viene loro chiesto qualcosa, son pronti a rispondere e fanno fare una bella figura al museo, secondo, in questo momento di Covid-19 i dispositivi touch screen potrebbero essere saggio non usarli, e la mia esperienza di tutti questi anni, mi ha fatto capire, che i turisti se possibile, preferiscono parlare con qualcuno.

Nel prossimo articolo vi parlerò di come divenni operatore museale a tutti gli effetti,  e di una figura di alto livello museale di quel tempo, che mi colpi molto (favorevolmente).

—————————————————-

The beginning of my story as Attendant museum !

cropped-imagine-profilo

In the middle of June 1990, I started my career as a attendant museum. It was simply a job for few months, and yet, since then, I still work in the beautiful civic museums of Venice, and I am always in love with my job.

At that time there was the Titian’s exhibition, organized at the Doge’s Palace of Venice, with the help of museums and galleries from all over the world, including: the Ashmolean Museum of Oxford, the Detroit Institute of Art, the Thyssen collection Bornemisza of Lugano, the Marciana library and the galleries of the Venice academy, Koninklijk Museum Voor Shone Kunsten of Antwerp, the Metropolitan Museum of Art in New york, the Louvre Museum of Paris, the Museum Boymans-Van Beunigen of Rotterdam, the Prado Museum of Madrid, the Hermitage Museum of St. Petersburg, the National Gallery of Art in Washington, the Doge’s Palace in Venice itself and many others.

It was one of the most beautiful experiences of my life, of which I have many beautiful memories. The work was divided into two shifts, as Doge’s Palace, at that time, was open until late in the evening only for the exhibition: from 09.00 am to 16.00 pm the first shift and the following until 23.00 pm.

The work was not so difficult, although there was always a lot to do: the rooms were always full, with many groups, so many, that we had to pay attention to how many people could enter the room, and we  had to block the groups, before entering to the next room, when the other group advanced. It was a bit of a diplomatic job, because obviously both the single visitors and the groups were pushing to move forward, and it was necessary to act with a lot of self-control.

Even if we finished at 11.00 pm there were no problems, as even at that time the public transport were guaranteed, and both staff and tourists could return to their homes / hotels. It is a point on which I still try to make everyone who follows me in the museum / tourism environment understand: The success of the evening openings of museums can ONLY work if the means of return are guaranteed. It is important for both staff, but it is equally important for tourists. If the means are lacking, it is obvious that they will leave the museums sooner, and not only those, but also restaurants, theaters. Transportation is essential!

Jpeg

This photo belongs to the cover of the catalog of that exhibition. It is still in my possession, at the time, it was customary to give catalogs to the attendants museum at the end of the exhibition. I think that was the last time they did it, too bad, because it was a gesture we appreciated a lot. It was, how to say, a gesture of thanks to us, for the work done. Actually, this is another point, I like to talk a lot about: I am of the opinion that these texts should be available to attendants museum. First of all, because if they are being asked something, they are ready to answer and make the museum look good, secondly, at this time of Covid-19 touch screen devices may be wise not to use them, and my experience of all these years, has made me convinced, that tourists if possible prefer to talk to someone.

In the next article I will tell you about how I became a full status attendant museum,  and of a high-level museum figure of that time, who impressed me favorably.

Non è il trono di spade ma…

For the English translation, please scroll down the page

JpegContinua il mio lavoro durante questo periodo di “quarantena” dovuto al COVID-19 e cerco di descrivervi le bellezze culturali di uno dei più bei musei di Venezia, ma anche quello meno noto, perlomeno ai turisti stranieri: Ca’ Rezzonico. Oggi vi voglio parlare di un trono, non quello della leggendaria serie televisiva “Il trono di spade” ma di bensì di un’altro altrettanto bello.

Spero così facendo, di potervi distrarre un po, ma soprattutto di invogliarvi a visitare dal vero questo magnifico museo, una volta che questa terribile situazione finirà. La sala del trono al primo piano del museo di Ca’ Rezzonico di Venezia, è una delle più interessanti a mio modesto avviso. Eccovi una breve spiegazione:

Vi esorto, ancora una volta, a rimanere a casa il più possibile durante questa crisi, e di uscire, solamente per le cose strettamente necessarie, quali la spesa di beni di prima necessità. Spero vi sia piaciuto, e spero di fare altri video su questo magnifico museo al più presto. Grazie a tutti.

#insiemecelafaremo

 

 

It’s not the game of Thrones but…

Jpeg

My work continues during this period of “quarantine” due to COVID-19, and I try to describe the cultural beauties of one of the most beautiful museums in Venice, but also the less known, at least to some foreign tourists: Ca ‘Rezzonico. Today I want to talk about a throne, not the one of the legendary TV series “Game of Thrones” but of another one equally very interesting and beautiful.

By doing so, I hope to keep your mind occupy for a bit, but above all, to invite everyone to visit this magnificent museum for real, once this terrible situation will be over. The throne room, on the first floor of the Ca ‘Rezzonico museum in Venice, is one of the most interesting in my humble opinion. Here is a brief explanation:

I urge you, once again, to stay at home as much as possible during this crisis, and to go out, only for strictly necessary things, such as the purchase of basic necessities : food and/or medicines. I hope you enjoyed it, and I hope to make more videos on this magnificent museum soon. Thank you all

 

#stayathomefor

Nuova serie di Video su Ca’ Rezzonico !

For the English Translation please scroll down the page, thank you.

20140428_093125

Da tempo, avevo smesso, di fare video o trasmissioni in diretta su youtube, in quanto, non disponendo della fibra ottica, ma solo dell’ADSL, mi ci voleva sempre tanto tempo per caricare un video. Ma visto che adesso, vista la situazione del COVID-19, direi che ho parecchio tempo a disposizione, e mi sto organizzando per sviluppare nuovi video sulle bellezze culturali del museo di Ca’ Rezzonico di Venezia. Lo faccio nella speranza, che vi aiuti a stare a casa, e soprattutto, per invitarvi a vedere dal vero questo stupendo museo, non appena la situazione si risolverà. 

Mi scuso se la qualità del video non è eccelsa, e per la mia difficoltà di parlare di fronte ad una telecamera, cercherò di migliorare nei prossimi video. Ma mi raccomando:

State a casa !!!!!!!!

 

New videos about Ca’Rezzonico Museum in progress !

20140428_093125

For some time, I had stopped making videos or live broadcasts on youtube, since, not having the optical fiber, but only the ADSL, it always took me a long time to upload a video. But since, now there is the COVID-19 situation, I would say that I have a lot of time available, and I am planning to develop new videos about the cultural beauties of the Ca ‘Rezzonico museum in Venice. I do it in the hope that it will help you stay at home, and above all, to invite you to see this wonderful museum for real, as soon as the situation is over.

I apologize if the quality of the video is not excellent, and also about my difficulty to speak in front of a camera, I will try to improve in the next videos. But I beg you:

 

Stay home !!!!!!!!

Disegnare dal vero: Tiepolo, Longhi, Guardi – nuova mostra a Ca’ Rezzonico

For the English translation, please scroll down the page

Jpeg

Una nuova mostra è stata inaugurata a Ca’ Rezzonico il 14 febbraio 2020 e durerà fino al 18 maggio 2020. si intitola “Disegnare dal vero : Tiepolo, Longhi, Guardi.

Si tratta di una mostra riguardante i disegni dei grandi Maestri del Settecento veneziano: sono presenti alcuni disegni su carta azzurra di Giambattista Tiepolo donato dal pittore triestino Lorenzo Gatteri al Museo Correr nel 1885 e due fondi di bottega di Pietro Longhi e Francesco Guardi acquistati dai loro figli da Teodoro Correr dopo la caduta della Serenissima. Esemplari eccezionali sia per numero che per qualità dei fogli, riuniti già dai loro autori e rimasti intatti dopo secoli. Non disegni finiti, opere autonome destinate da subito a collezionisti, ma studi e schizzi dal vero, quasi tutti su carta ruvida dall’aspetto grezzo, fabbricata con stracci di bassa qualità e poco costosa e perciò usata per studi e abbozzi, ma proprio per la sua natura porosa ideali all’uso del gesso, il cui tratto esaltava i valori luministici, pittorici della grafica veneziana. Proprio la grande notorietà ha nuociuto alla conservazione di questi fogli, inseriti a inizio Novecento in allestimenti permanenti e danneggiati dalla prolungata esposizione alla luce.

Grazie a Save Venice dal 2003 è stato avviato un lungo lavoro di restauro, non ancora concluso, che consente oggi di ammirare, per un breve periodo, parte di questi disegni. Sempre grazie a Save Venice a questo spaccato dell’arte del Settecento veneziano si aggiunge, isolato, un restaurato capolavoro di Tiziano, la xilografia raffigurante la Sommersione del faraone.

Jpeg

Questa è la più grande silografia realizzata da Tiziano, stampata da matrici in legno su dodici blocchi a comporre un’unica scena, pubblicata da Domenico dalle Greche nel 1549. L’opera, nella sua grandiosa concezione rivela la grande immaginazione creativa del maestro. In questo caso, Tiziano si è servito del racconto biblico (Esodo, 14) e ne ha realizzato un corrispondente figurativo di grande fascino, dove il vero protagonista sembra il monumentale paesaggio marino in tempesta che domina il centro della composizione. Grazie alla campagna di restauro promossa da Save Venice nel 2019, possiamo apprezzare nuovamente la padronanza e la forza del segno di Tiziano.

Jpeg Jpeg

Questa mostra rappresenta un’opportunità unica di approfondimento su questi tre celebri Maestri del 700. Ricordiamo, che Ca’Rezzonico, non è solo un museo che illustra un periodo di storia, ma che illumina su un periodo di cambiamento, di innovazione, di scambio di idee, di periodi che finiscono e altri che cominciano. Ca’ Rezzonico è senz’altro il più bel museo di tutta Venezia! Se vi state chiedendo cosa visitare a Venezia, questa è la vostra risposta.

Dal 14 Febbraio fino al 18 maggio 2020  VENEZIA
LUOGO: Ca’ Rezzonico
INDIRIZZO: Dorsoduro 3136
ORARI: 1° Nov – 31 Mar 10.30 – 17 (Biglietteria 10.30 – 16.30) Martedì chiuso
TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 041 2410100
SITO UFFICIALE: http://carezzonico.visitmuve.it

Drawings by Tiepolo, Longhi and Guardi at Ca’ Rezzonico Museum !

Jpeg

A new exhibition was inaugurated in Ca ‘Rezzonico on February 14, 2020 and will last until May 18, 2020. it is titled “Drawing from life: Tiepolo, Longhi, Guardi.

This is an exhibition concerning the drawings of the great masters of the Venetian eighteenth century: there are some drawings on blue paper by Giambattista Tiepolo donated by the Triestine painter Lorenzo Gatteri to the Correr Museum in 1885 and two funds from the workshop of Pietro Longhi and Francesco Guardi purchased from their children by Teodoro Correr after the fall of the Serenissima. Exceptional specimens both in number and in quality of the sheets, already gathered by their authors and remained intact after centuries. Not finished drawings, autonomous works immediately destined for collectors, but studies and sketches from life, almost all on rough-looking rough paper, made with low quality and inexpensive rags and therefore used for studies and sketches, but precisely for the its porous nature ideal for the use of plaster, whose trait exalted the luministic, pictorial values ​​of Venetian graphics. Just the great notoriety has damaged the conservation of these sheets, inserted at the beginning of the twentieth century in permanent settings and damaged by prolonged exposure to light.

Thanks to Save Venice since 2003 a long restoration work has been started, not yet completed, which allows today to admire, for a short period, part of these drawings. Also thanks to Save Venice, this section of Venetian eighteenth-century art is added, isolated, to a restored masterpiece by Titian, the woodcut depicting the submersion of the pharaoh.

Jpeg

This is the largest woodcut Titian ever made, printed using twelve wooden blocks to compose a single scene by Domenico dalle Greche in 1549. With its sweeping composition, this work rivals paintings in scale and emotion. Here Titian transformed the Biblical story of Moses parting the Red Sea (Exodus 14) into a stormy seascape of extraordinary drama. He likely drew the complicated composition himself on the woodblocks. Thanks to a restoration campaign funded by Save Venice in 2019, viewers can appreciate once again the control and power of Titian’s line. Venetians, like the Israelites, saw themselves as a people chosen by God, also poised between sea and land and sheltered by divine favor. Whether an idyllic moment in the country or an imaginary corner of the bustling city, Guardi transforms Venetian life into a poetic fantasy.

Jpeg Jpeg

This exhibition represents a unique opportunity for further study on these three famous Masters of the 18th century. We remember that Ca’Rezzonico is not only a museum that illustrates a period of history, but which illuminates a period of change, innovation and exchange of ideas, of periods of time that end and others that begin. Ca ‘Rezzonico is undoubtedly the most beautiful museum in all of Venice! If you are wondering what to visit in Venice, this is your answer.

From February 14th to May 18th 2020 VENICE
PLACE: Ca ’Rezzonico ADDRESS: Dorsoduro 3136
TELEPHONE FOR INFORMATION: +39 041 2410100
OPENING HOURS: 1 Nov – 31 Mar 10.30 – 17 (Ticket office 10.30 – 16.30) Closed on Tuesdays

 

OFFICIAL SITE: https://carezzonico.visitmuve.it/en/home/

Flavio Favelli a Ca’ Rezzonico

For the English translation, scroll down the page, thank you !

Favelli_ritratto

C’è una nuova mostra a Ca’ Rezzonico, il museo del settecento veneziano. Il titolo di questa intrigante mostra è “Il bello inverso” e l’artista si chiama Flavio Favelli.

Flavio Favelli è nato a Firenze nel 1967, nel 1993 ottiene la Laurea in Storia Orientale presso l’Università di Bologna e in seguito intraprende la carriera artistica. Le sue opere sono famose e sono  state esposte in moltissime istituzioni internazionali di grande fama, possiamo citare alcune, tra le quali: Art Basel Hong Kong Encounters sector curated by Yuko Hasegawa (2013, S); MAXXI, Roma (2012, S; 2010, G); Museo del Novecento, Milano (S, 2012), MACRO, Roma (G, 2012; 2011, S); RISO Museo dArte Contemporanea, Palazzo Grassi, Venezia (G, 2008). Nel 2012 ha rappresentato il nostro paese alla 11° Biennale de La Habana e per due volte, sia nel 2003 e poi nel  2013, l’artista ha preso parte alla Biennale d’Arte di Venezia.  Attualmente l’artista vive e lavora a Savigno (Bologna, I). Flavio Favelli crea opere utilizzando vecchi oggetti d’arredamento o di uso comune, come lampadari, cornici, bottiglie della Fanta o della Coca Cola, chincaglieria che rimanda all’estetica borghese degli ambienti familiari in cui è cresciuto o alla cultura orientale approfondita durante gli studi universitari. Le sue opere sono collages, sculture o installazioni in cui questi materiali di recupero vengono assemblati, dando vita a sovrapposizioni di senso che isolano l’oggetto dalla mera realtà materiale, elevandolo alla dimensione artistica. Questo passaggio non avviene tramite una snaturazione dell’oggetto stesso, ma piuttosto attraverso una amplificazione delle sue caratteristiche funzionali, del suo valore come oggetto d’uso, come oggetto di decoro, come icona di una quotidianità passata, inconsciamente compresente a quella attuale. La forte componente autobiografica di queste opere (che ispira anche le rare performances di questo artista), funge da filtro di lettura comune alle varie linee di indagine che Flavio Favelli porta avanti in tutti i suoi lavori e, attraverso la riflessione sulla memoria e lo sviluppo di una poetica dell’oggetto imperniata sul binomio esotico-quotidiano, egli riannoda la propria vicenda personale alla storia collettiva e alla riflessione politica.
Le opere di Flavio Favelli trasmettono un dichiarato senso di italianità. Nella sua pratica artistica egli ripropone e svolge le contraddizioni che hanno accompagnato il sorgere dell’arte concettuale (e della pop-art) a livello internazionale, calando queste stesse teorizzazioni all’interno delle forme e degli esiti raggiunti dalla tradizione concettuale italiana. Il risultato sono opere dall’anima ibrida, che rendono difficile la collocazione di questo artista nell’ambito del panorama nazionale e che allo stesso tempo sottolineano la forte carica personalizzante sottesa al linguaggio articolato all’interno di ogni singola opera.

Jpeg Jpeg Jpeg
Jpeg Jpeg Jpeg

Quindici opere inedite formano l’intervento a Ca’ Rezzonico di Flavio Favelli. Il bello inverso, “cioè a rovescio, opposto”, spiega l’artista, racconta di “una bellezza pensata che è il mio immaginario, qualcosa che non è semplice da esporre in un luogo e in una città che è l’Arte per antonomasia”.

Le opere sono distribuite tra il piano terra e i piani superiori. Le opere presenti a piano terra, si possono vedere gratuitamente, mentre per vedere quelle presenti al primo e al secondo piano, occorre pagare il biglietto. A piano terra, le opere sono tre:

  • Eternity, che rappresenta una stella rossa, localizzata all’uscita sul canal grande del museo.
  • Tempo Veneziano, situata più o meno nella parte centrale dell’androne a piano terra.
  • Traliccio Tunisi, disposta quasi al centro della piazzetta prima del giardino.

Volendo vedere le altre opere, il biglietto include anche il giro del bellissimo museo. Le opere dell’artista Favelli, si possono vedere a partire dalla scalinata che porta al salone da ballo. Le due opere posti ai lati della scalinata si intitolano “Cart d’Or” e “Ferragosto Decò”. Una volta entrati nel bellissimo salone da ballo, e prima sala dell’itinerario museale, troviamo “Ghiacciato Venezia”, situato proprio di fronte all’ingresso. Si prosegue nella sala dell’Allegoria per trovare “Silver Plated”.

Nel portego del primo piano, troviamo due opere che mi sono piaciute molto “Military Deco”. Ultime opere del primo piano, sono nella sala della biblioteca: “Diva Kissess”, “Eau de Toilette”, “Serenissima Star” e “Premium Quality. Si sale al secondo piano, per ammirare le ultime opere dell’artista che si trovano nella sala del ridotto “Purple riviera” e nella sala delle lacche verdi “Gold Ghana”.

L’opera al primo piano, nella sala del portego intitolata “Military Decò” trova la spiegazione nelle foto qui sotto:

Jpeg 362

Al secondo piano nella sala delle “Lacche Verdi” troviamo l’opera chiamata “Gold Ghana” una specie di obelisco fatto di specchi montati su ogni lato, che però non sono come gli altri, in quanto hanno come una patina dorata, e quindi non riflette l’immagine come noi siamo abituati. Procedendo nella sala del “Parlatorio” troviamo forse l’opera più squisita ! Si intitola “Purple Riviera” e troviamo un obelisco decorato con tutti i cartoni dei gelati e torte Algida ! Un’opera un po particolare, ma che cattura l’attenzione di grandi e piccini, specie quest’ultimi si soffermano per dire qual’è il loro gelato preferito !

Con queste due opere terminano questa mostra alquanto interessante e diversa.. Una mostra cattura le emozioni di molti turisti, tanti trovano che sia magnifica, alcuni alzano il sopra ciglio per tentare di capire che cos’è , ma alla fine rimane un’esposizione che spinge la nostra immaginazione, e la nostra curiosità nel capire di più la nostra realtà !

Dal 9 maggio al 15 settembre 2019
Venezia, Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento Veneziano

Flavio Favelli exhibition at Ca’ Rezzonico Museum !

Favelli_ritratto

There is a new exhibition at Ca ‘Rezzonico, the Venetian eighteenth century museum. The title of this intriguing exhibition is “Il bello inverso” and the artist is called Flavio Favelli.

Flavio Favelli was born in Florence in 1967, in 1993 he obtained a degree in Oriental History from the University of Bologna and later began his artistic career. His works are famous and have been exhibited in many international institutions of great fame, we can mention a few, including: Art Basel Hong Kong Encounters sector curated by Yuko Hasegawa (2013, S); MAXXI, Rome (2012, S; 2010, G); Museo del Novecento, Milan (S, 2012), MACRO, Rome (G, 2012; 2011, S); RISO Museum of Contemporary Art, Palazzo Grassi, Venice (G, 2008). In 2012 he represented our country at the 11th Biennial of La Habana and twice, both in 2003 and then in 2013, the artist took part in the Venice Art Biennale. Currently the artist lives and works in Savigno (Bologna, I). Flavio Favelli creates works using old furniture or everyday objects, such as chandeliers, frames, bottles of Fanta or Coca Cola, knick-knacks that refer to the bourgeois aesthetic of the family environments in which he grew up, or to the oriental culture deepened during his studies university. His works are collages, sculptures or installations in which these salvaged materials are assembled, giving rise to overlaps of meaning that isolate the object from mere material reality, elevating it to the artistic dimension. This passage does not take place through a distortion of the object itself, but rather through an amplification of its functional characteristics, of its value as an object of use, as an object of decoration, as an icon of a past everyday life, unconsciously co-present with the current one. The strong autobiographical component of these works (which also inspires the rare performances of this artist), serves as a common reading filter for the various lines of investigation that Flavio Favelli carries out in all his works and, through his reflection on memory and development of a poetics of the object hinged on the exotic-daily binomial, he re-joins his personal story to the collective history and political reflection.

Flavio Favelli’s works convey a declared sense of Italianness. In his artistic practice he re-proposes and develops the contradictions that have accompanied the rise of conceptual art (and pop-art) at the international level, bringing these same theories down within the forms and results achieved by the Italian conceptual tradition. The result are works with a hybrid soul, which make it difficult to place this artist on the national scene and at the same time underline the strong personalizing power underlying the language articulated within each individual work.

Jpeg Jpeg Jpeg
Jpeg Jpeg Jpeg

Fifteen unpublished works form the intervention at Ca ’Rezzonico by Flavio Favelli. The inverse beauty, “that is backward, opposite”, explains the artist, tells of “a beauty thought that is my imagination, something that is not easy to expose in a place and in a city that is the Art par excellence “.

The works are distributed between the ground floor and the upper floors. The works on the ground floor can be viewed for free, while to see those on the first and second floors, you must pay for the ticket. On the ground floor, there are three works:

  • Eternity, which represents a red star, located at the exit of the museum’s grand canal.
  • Venetian weather, located more or less in the central part of the entrance hall on the ground floor.
  • Traliccio Tunisi, located almost in the center of the square before the garden.

If you want to see the other works, the ticket also includes a tour of the beautiful museum. The works of the artist Favelli, can be seen starting from the stairway leading to the ballroom. The two works on the sides of the staircase are called “Cart d’Or” and “Ferragosto Decò”. Once we enter the beautiful ballroom, and the first room of the museum itinerary, we find “Ghiacciato Venezia”, located right in front of the entrance. Continue into the Allegory room to find “Silver Plated”.

In the portego of the first floor, we find two works that I liked very much “Military Deco”. The last works on the first floor are in the library room: “Diva Kissess”, “Eau de Toilette”, “Serenissima Star” and “Premium Quality. Go up to the second floor to admire the artist’s latest works in the “Purple riviera” small room and in the “Gold Ghana” green lacquer room.

The work on the first floor, in the Portego room entitled “Military Decò”, is explained in the photos below: you can see the same pattern which was drawn on the warship’s hulls.

Jpeg 362

On the second floor in the “Lacche Verdi” room we find the work called “Gold Ghana”, a sort of obelisk made of mirrors mounted on each side, but which are not like the others, as they have a golden patina, and therefore do not reflects the image as we are used to. Proceeding into the “Parlatorio” room we find perhaps the most exquisite work! It’s called “Purple Riviera” and we find an obelisk decorated with all the Algida ice cream and cake cartons! A rather particular work, but one that catches the attention of adults and children, especially the latter, pausing to say which is their favorite ice cream!

With these two works they end this rather interesting and different exhibition .. An exhibition captures the emotions of many tourists, many find it to be magnificent, some raise their heads to try to understand what it is, but in the end it remains an exhibition that pushes our imagination, and our curiosity in understanding our reality more!

From 9 May to 15 September 2019
Venice, Ca ’Rezzonico – Museum of the Venetian eighteenth century

 

 

Sempre più nuove tecnologie museali

For the english translation, scroll down the page, thank you !

Martedì 21 maggio presso il museo di arte Orientale a Ca’ Pesaro, si è tenuta la presentazione delle introduzioni di nuove tecnologie al servizio del museo. Oggi giorno, quasi tutti i musei fanno a gara per accaparrarsi le ultime novità in campo della tecnologia, nella speranza di attirare più visitatori. Ho intervistato una rappresentante delle Edge Company che era presente per la dimostrazione..

Il Museo d’Arte Orientale di Venezia presenta al suo interno una vasta raccolta d’arte giapponese feudale, specialmente del periodo Edo (1603-1868). Nelle sale dedicate al Giappone (perché chiaramente ci sono anche oggetti provenienti dalla Cina) si  possono ammirare le varie armi e armature da parata appartenute ai signori feudali e ai samurai del Periodo Edo, selle e staffe in lacca da parata, katane, lance, una portantina molto antica per le dame, dipinti su carta e seta, abiti molto graziosi decorati con stupendi ricami. Ci sono due sale dedicate a oggetti in lacca provenienti da corredi di nozze delle figlie di ricchi commercianti e feudatari, realizzati con la tecnica del makie, la lacca dorata impiegando polvere e lamine d’oro. Ci sono dei bellissimi strumenti musicali, pezzi artistici usati per l’esecuzione dei principali generi di musica tradizionale giapponese.

I pezzi appartengono prevalentemente al Periodo Edo (dal nome della capitale, Edo, oggi conosciuta come Tokyo) o  dall’era Tokugawa,  nome che deriva della casata dello shogun, in questo caso, uno dei più noti, che resse le sorti del paese per oltre 250 anni garantendo al paese un periodo di relativa pace, ma che ha sofferto per un isolamento quasi completo; non mancano le opere più antiche, come per esempio una coppia di statue lignee del periodo Kamakura (1185-1392) o lame del periodo Muromachi (1392-1568). La sezione dedicata alla Cina presenta giade e porcellane di diverse manifattura. Nella sezione rivolta all’Indonesia si trovano rari kris, tessuti batik e figure in cuoio del wayang, il teatro delle ombre indonesiano.

IMG_5553 IMG_5554
IMG_5555 IMG_5556

I dispositivi realizzati dalla società The Edge Company  https://www.theedgecompany.net/  start-up innovativa e creatrice del sistema “Maestro”, sono stati concepiti per agevolare la visita a tutti i tipi di utenti museali: anche anziani, bambini, persone con abilità differenti o privi di un bagaglio culturale formato specialmente su una materia non semplice come la conoscenza dell’arte orientale. Un mondo totalmente diverso dal nostro.

La Dott.ssa Dalla Venezia della Edge Company, si è dimostrata molto gentile nel spiegarmi quanto avevano fatto per il museo, queste sono le sue parole: Sono state ideate 3 applicazioni realizzate per il Museo d’arte orientale di Venezia. Tre esperienze tutte riunite in un’unica APP che si può scaricare per vedere il museo in maniera più coinvolgente grazie alla realtà aumentata. Abbiamo realizzato un’applicazione che, con l’uso di un occhiale / visore Hololens, offre al visitatore un’esperienza totalmente coinvolgente, dove delle armature prendono vita e raccontano come sono state costruite, dando anche qualche informazione sulla storia / cultura giapponese. Le serie di armature dei samurai però avranno da discutere un po con un diavoletto birichino che le prende un po in giro (un oni, una specie di demone). La seconda esperienza offre a tutti la possibilità di vedere gli interni di una portantina per dama, che rimane sempre chiusa, chiaramente per motivi conservativi.  Qui c’è una voce che guida il visitatore a rivolgere lo sguardo tra i fini decori tradizionali. La terza esperienza, invece grazie alla realizzazione di una rete di intelligenza artificiale, spiega come sono costruiti e fa sentire come suonano gli strumenti musicali giapponesi, semplicemente puntando su di essi il proprio cellulare. Le esperienze sono state concepite e create per superare le disabilità più comuni, come la sordità, infatti le esperienze sono anche dotate di sottotitoli, e rendono il museo più coinvolgente, e consentono a tutti una migliore comprensione del patrimonio esposto.

HoloLens_2A

Le tecnologie pensate e realizzate dalla Edge Company per la realtà aumentata consentiranno al visitatore di scoprire le armature dei samurai divertendosi, e gli occhiali per la realtà virtuale consentiranno di esplorare l’interno della portantina giapponese. L’intelligenza artificiale, sempre inclusa nell’applicazione riconoscerà alcuni strumenti musicali giapponesi e permetterà loro di ascoltare le melodie.

Direi che è tutto semplicemente fantastico, ma veniamo di scoprire di più le nuove tecnologie menzionate: gli occhiali o visori Microsoft HoloLens sono dei visori per la realtà mista (realtà virtuale e realtà aumentata) che che al suo interno hanno dei componenti che portano alla creazione di ologrammi da sovrapporre agli oggetti reali. Un esempio di realtà aumentata mi viene dal classico videogioco Pokemon Go  e Ingress. Microsoft Hololens è per Microsoft quel che i Google Glass erano per Google: un dispositivo in grado di mediare la realtà che ci circonda, arricchendola di nuovi dettagli, affinché l’utente possa vivere una esperienza aumentata della realtà stessa.

Microsoft HoloLens è un HMD (Head-mounted display) che può essere definito una specie di computer indossabile sulla propria testa, e proprio come uno smart watch è indipendente, in quanto tutte le componenti sono al suo interno e non è necessaria la connessione a PC o smartphone. Nel visore sono inserite due lenti olografiche trasparenti in cui si proiettano le immagini. Su entrambi i lati, vicino alle orecchie, sono presenti dei mini altoparlanti per l’audio in 3D. Il dispositivo genera audio binaurale ed effetti spaziali, significa che, in base al movimento della testa, è possibile percepire la provenienza di un suono. Ne avevo già sentito parlare e l’ho pure visto, o meglio sentito in azione, tempo fa nel museo di Ca’ Rezzonico, dove il visitatore, indossava delle cuffie, e tramite un app, poteva ascoltare una conversazione di donna in 3d che lo invitava a ballare. A occhi chiusi, l’effetto che si prova è stupefacente !!

Per quanto riguarda l’uso dell’intelligenza artificiale mi è stato detto che è stato applicato il procedimento del Deep Learning, la cui traduzione letterale significa apprendimento profondo, è una branca del Machine Learning (che letteralmente viene tradotto come apprendimento automatico) e indica quella parte dell’Intelligenza Artificiale che fa riferimento agli algoritmi ispirati alla struttura e alle funzioni del cervello chiamate reti neurali artificiali.

man wearing white virtual reality goggles
Photo by bruce mars on Pexels.com

L’uso dell’intelligenza artificiale, e quindi il metodo di Deep Learning, sono stati utilizzati in vari campi, come per esempio nella computer vision, nel riconoscimento automatico della lingua parlata, nell’elaborazione del linguaggio naturale, e nel riconoscimento audio. Con il Deep Learning vengono simulati i processi di apprendimento del cervello umano attraverso sistemi artificiali (le reti neurali artificiali, appunto) per insegnare alle macchine non solo ad apprendere autonomamente ma a farlo in modo più “profondo” come sa fare il nostro cervello.

Insomma, sembra che il museo di arte orientale abbia fatto un saggio investimento, su queste nuove tecnologie informatiche, che sono ancora allo stato sperimentale, ma che offrono molti interessanti spunti su come potrebbero essere usate in campo museale. Lo scopo di queste nuove tecnologie è quello di far imparare divertendosi,  e il museo di arte orientale di Venezia devo dire, è il più affascinante che ci sia !!

New Technologies for the museums !!

On Tuesday, May 21st, at the museum of Oriental art in Ca ’Pesaro, an introduction of new technologies for the museums was held. Today, almost all the museums compete to grab the latest technology gadget, hoping to attract more visitors. I interviewed a representative of the Edge Company who was present for the demonstration.

The Museum of Oriental Art in Venice has a vast collection of feudal Japanese art, especially from the Edo period (1603-1868). In the rooms dedicated to Japan (because there are also objects from China and from other eastern countries) one can admire the various weapons and armors for parade belonged to the feudal lords and samurai of the Edo period; saddles and brackets in parade lacquer, katanas, spears, a very old sedan chair for ladies, paintings on paper and silk, very pretty dresses decorated with beautiful embroideries. There are two rooms dedicated to objects in lacquer from wedding kits of the daughters of rich merchants and feudal lords, made with the “makie” technique, the golden lacquer using dust and gold foils. There are beautiful musical instruments, artistic pieces used for the performance of the main genres of traditional Japanese music.

The pieces belong mainly to the Edo Period (from the name of the capital, Edo, now known as Tokyo) or from the Tokugawa era, the name that derives from the lineage of the shogun, in this case, one of the best known, which held the fate of the country for over 250 years guaranteeing the country a period of relative peace, but which has suffered from almost complete isolation; there is so much to see, such as a pair of wooden statues from the Kamakura period (1185-1392) or blades from the Muromachi period (1392-1568). The section dedicated to China presents jades and porcelains of different manufacture. In the section devoted to Indonesia there are rare kris, batik fabrics and leather figures of the wayang, the Indonesian shadow theater.

IMG_5553 IMG_5554
IMG_5555 IMG_5556

The devices made by the company: The Edge Company https://www.theedgecompany.net/en/  an innovative start-up and creator of the “Maestro” system, were designed to facilitate the visit to all types of museum users: even the elderly, children, people with different abilities or without a baggage cultural especially formed on a subject not as simple as the knowledge of oriental art. A world totally different from ours.

Dr. Dalla Venezia of the Edge Company, was very kind in explaining to me what they had done for the museum, these are her words: 3 applications have been designed for the Oriental Art Museum of Venice. Three experiences all brought together in a single APP that you can download to see the museum in a more engaging way thanks to augmented reality. We have created an application that, with the use of a Hololens glasses / viewer, offers the visitor a totally involving experience, where armor comes to life and tells how they were built, also giving some information on Japanese history / culture. The series of armor of the samurai, however, will have some discussion with a mischievous little devil who takes them around a bit (an oni, a kind of demon). The second experience offers everyone the chance to see the interiors of a sedan chair for checkers, which always remains closed, clearly for conservative reasons. Here is a voice that guides the visitor to look at the fine traditional decorations. The third experience, instead thanks to the creation of an artificial intelligence network, explains how they are built and makes them feel like Japanese musical instruments play, simply by pointing their mobile phone at them. Experiences have been conceived and created to overcome the most common disabilities, such as deafness, in fact the experiences are also equipped with subtitles, and make the museum more engaging, and allow everyone a better understanding of the heritage displayed.

HoloLens_2A

The technologies designed and created by the Edge Company for augmented reality will allow the visitor to discover the armor of the samurai while having fun, and the virtual reality glasses will allow you to explore the inside of the Japanese sedan chair. Artificial intelligence, always included in the application, will recognize some Japanese musical instruments and allow them to listen to melodies.

I would say that everything is simply fantastic, but let’s try to find out more about the new technologies mentioned: the Microsoft HoloLens glasses or viewers are visors for mixed reality (virtual reality and augmented reality) that inside have components that lead to creation of holograms to be superimposed on real objects. An example of augmented reality comes from the classic video game Pokemon Go and Ingress. Microsoft Hololens is for Microsoft what Google Glass was for Google: a device able to mediate the reality that surrounds us, enriching it with new details, so that the user can live an increased experience of reality itself.

Microsoft HoloLens is an HMD (Head-mounted display) that can be defined as a kind of wearable computer on one’s head, and just like a smart watch it is independent, as all the components are inside it and no PC connection is required. or smartphone. In the viewer are inserted two transparent holographic lenses in which the images are projected. On both sides, near the ears, there are mini speakers for 3D sound. The device generates binaural audio and spatial effects, meaning that, based on the movement of the head, it is possible to perceive the origin of a sound. I had already heard about it and I also saw it, or rather heard it in action, some time ago in the museum of Ca ‘Rezzonico, where the visitor, wearing headphones, and through an app, could listen to a conversation of a woman in 3d that the he invited them to dance. With your eyes closed, the effect you feel is amazing !!

As for the use of artificial intelligence, I was told that the Deep Learning process was applied, whose literal translation means deep learning, is a branch of Machine Learning (which is literally translated as machine learning) and indicates that part of Artificial Intelligence that refers to algorithms inspired by the structure and functions of the brain called artificial neural networks.

man wearing white virtual reality goggles
Photo by bruce mars on Pexels.com

The use of artificial intelligence, and therefore the Deep Learning method, has been used in various fields, such as computer vision, automatic recognition of spoken language, processing of natural language, and audio recognition. With the Deep Learning the learning processes of the human brain are simulated through artificial systems (artificial neural networks, in fact) to teach machines not only to learn independently but to do it in a “deeper” way as our brain knows how to do.

In short, it seems that the Oriental art museum has made a wise investment, on these new information technologies, which are still experimental, but which offer many interesting insights on how they could be used in the museum field. The purpose of these new technologies is to make people learn while having fun, and I must say that the Museum of Oriental Art in Venice is the most fascinating there is !!

Intervista con Seema Rao

For the English translation, please scroll down the page, thank you !

Il lavoro di un operatore museale comporta molto stress, perché è sempre a contatto con il pubblico. Non molto tempo fa, un titolo di un libro mi colpì e ho voluto comprarlo per saperne di più. Il libro in questione si intitola “Obejetive Lesson – Self Care for Museum workers di Seema Rao. E’ un libro molto interessante perché offre delle tecniche adatte a tutti, e guida verso un’autoanalisi di se stessi.

seemaSeema Rao è la presidente e CEO di Brilliant Idea Studio (BIS), un’azienda che aiuta musei, organizzazioni non profit e biblioteche a realizzare le loro migliori idee.  Con quasi 20 anni di esperienza museale, la Dott.ssa Rao  ha guidato lo sviluppo dei contenuti per molti progetti digitali tra cui l’innovativa Galleria One, Studio Play e Asian Odyssey. Insieme a questo progetto digitale, è stata determinante nello sviluppo di spazi museali “mobile” e fuori dal sito, come ad esempio Studio Go, degno di nota. Ha lavorato assiduamente per includere nuovi tipi di pubblico come specialista dell’accesso al museo, sviluppando programmi di coinvolgimento della comunità e creando programmi per adolescenti

La Dott.ssa Rao ha conseguito un Master in Storia dell’Arte presso la Case Western Reserve University di Cleveland e un Master in Information Science e User Experience Design. 

Dopo un po di tempo ho voluto riprendere in mano il suo libro, e ho pensato di fare un’intervista su di lei. Dopo varie email, ecco qui l’intervista.

Me: Potrebbe raccontare alcuni dei musei con cui hai lavorato, per favore?

Seema Rao: Come staff, sono stata al Cleveland Museum of Art per quasi 20 anni. Poi, ho lavorato con il Cincinnati Museum of Art, il Toledo Museum of Art, l’Akron Art Museum, la Percussive Arts Society e l’Asia Society Texas Center.

Io: come ha avuto l’idea di scrivere un libro?

Seema Rao: Il libro è iniziato come una serie di esercizi che ho fatto mentre passavo da un lavoro a tempo pieno in museo a consulente. Il mio precedente lavoro era stato l’unico lavoro che avessi mai avuto, l’ho avuto per 17 anni. Ero cresciuta prendendo lezioni in quel museo e ci sono andata come studentessa laureata. Lasciare quel ruolo era più che lasciare un lavoro. Era come essere a casa. Quindi avevo bisogno di trovare un nuovo punto di riferimento. Ho un po “giocato” con questi esercizi. Quando ho detto alla gente di quello che stavo facendo, sembravano interessati. Allora ho detto che l’avrei trasformato in un libro. Il fatto di dire a qualcuno che stai facendo qualcosa è che devi farlo. A volte quando qualcosa mi spaventa, lo dico agli altri,  è come un modo per assicurarmi di affrontare questa sfida. Rendere il libro mi ha sfidato in maniera positiva, e speravo che condividere le mie tecniche per aiutato gli altri.

Io: Qual è la causa più comune dello stress che ha visto finora?

Seema Rao: Il tempo è uno dei più comuni. O troppo poco tempo per fare qualcosa o troppa attesa per ciò che deve essere fatto in quel momento. L’eccesso di lavoro  fondamentalmente significa che si sta trascorrendo troppo tempo sul lavoro, forse a causa di cattiva gestione o necessità finanziarie. Poiché la maggior parte del lavoro si connette con altre persone, finiamo per affrontare i sensi di conflitto di persone diverse. A livello più pratico, lo stress maggiore per il personale è la sicurezza, in particolare finanziaria. Il tempo si interseca con la sicurezza finanziaria molto comunemente nel nostro settore con il personale che deve decidere se possono permettersi di lavorare in un museo e avere ancora il tempo di cercare un altro lavoro.

Me: Ha partecipato ad alcune conferenze forse con il Museo Next? Se è così può dirmi qualcosa a riguardo?

Seema Rao: Ho frequentato MuseumNext e fatto presentazioni numerose volte.

 

Seema Rao Lecture
https://www.museumnext.com/insight/leading-museum-inclusion/

 

Io: Il suo libro cerca di offrire alcune lezioni e soluzioni oggettive, ma ha una buona ricetta che può funzionare per qualcuno?

Seema Rao: Non c’è una ricetta, ma essa funziona, quando ognuno trova il proprio particolare “mix di attività”. Penso che sia  una sfida, in quanto le persone vogliono avere una soluzione, la provano ma poi si rendono conto che non funziona per loro. La parte Sé è essenziale, il concetto, l’idea di aver cura di sé. Quanto ti preoccupi di te stesso, come  essere individuale, sei l’unico a decidere cosa funziona. Essere in sintonia con te stesso è essenziale per trovare la tua migliore “ricetta”.

Io: L’episodio più bello che le è successo lavorando in un museo?

Seema Rao: Domanda veramente difficile. Mi piace trovare la bellezza in tutto e trovare qualcosa di buono in tutti i momenti. Direi che ricordo che mi piaceva tutti quei momenti in cui mi trovavo con un gruppo di colleghi di lavoro e ci siamo tutti sincronizzati. Eravamo in quel momento a dare un senso, tutti insieme, a quel progetto della collezione. La gioia effimera dell’insegnamento è un momento transitorio, ma è una cosa che mi illumina e che mi anima davvero.

Io: Il peggior episodio che le è successo e come ha reagito?

Seema Rao: I miei momenti peggiori (non tutti per fortuna) sono avvenuti con lo staff. La cosa difficile del lavoro nei musei è che molte persone si preoccupano molto. Il nostro lavoro ci mette in opposizione tra di noi. Solo con una buona cultura del lavoro, c’è un modo per lavorare e risolvere i problemi. Nei brutti momenti, hai sussurri dietro le spalle, offerte negatge, e intense esplosioni di negatività. Io non sono una santa. A volte sono stata un cattiva collega. Ho anche sofferto per quello. Certe situazioni sono estenuanti, ma  per fortuna, non abbastanza orribili da farmi lasciare il campo. E alla fine, ho quasi sempre rispettato lo staff in seguito. Ognuno di noi stava facendo il nostro lavoro e faceva del nostro meglio.

Io: Quali sono i suoi consigli per tutti i colleghi?

Seema Rao: Cercare di trovare la positività nella giornata lavorativa. Ma anche, di permettere alla tua giornata di lavoro di rimanere li e di non portarla a casa. Inoltre, sii gentile con te stesso come potresti essere per gli altri. Spesso ci mettiamo per ultimi, ma questo in realtà non ti rende migliore al lavoro. Può solo renderti infelice.

Io: Pensi che qualcosa come lo yoga o il tai chi possa aiutare contro lo stress? 

Seema Rao: Il Tai Chi è fantastico, ma non sono brava con le attività ricreative di gruppo, come lo yoga o il tai chi, non fa per me. Per me, camminare è meglio. Ma penso che si  torni sempre all’idea che si ha bisogno di trovare i migliori rilasci di stress per svolgere al meglio le proprie attività lavorative.

Io: Wow, sono impressionato, complimenti, sia per il suo libro, che per il suo futuro lavorativo, grazie per aver acconsentito a questa intervista, sono sicuro, sarà di interesse per molte persone.

Self care for Museums workers

The work of an attendant museum involves a lot of stress, because it is always in contact with the public. Not long ago, a book title struck me and I wanted to buy it to learn more. The book in question is titled “Objective Lesson – Self Care for Museum workers by Seema Rao. It is a very interesting book because it offers techniques suitable for everyone, and a guide to self-analysis of itself.

seemaSeema RaoSeema Rao is the president and CEO of Brilliant Idea Studio (BIS), a company that helps museums, non-profit organizations and libraries to highlight their best ideas. With almost 20 years of museum experience, Ms. Rao has led the development of content for many digital projects including the innovative Gallery One, Studio Play and Asian Odyssey. Along with this digital project, it has been instrumental in developing mobile and off-site museum spaces, such as Studio Go, worthy of note. He has worked diligently to include new segments of the public as a museum access specialist, development of community involvement programs and creation of programs for adolescents.

Ms. Rao holds a Masters degree in Art History from Cleveland’s Case Western Reserve University and a Masters in Information Science and User Experience Design.

After a while I wanted to take it up and read it again, and I thought I’d do an interview about her. After several emails, here is the interview.

Me: Could you tell me some of the museums you worked with, please?

Seema Rao: I worked at the Cleveland Museum of Art for almost 20 years. I left to consult two years ago”, I worked with the Cincinnati Museum of Art, the Toledo Museum of Art, the Akron Art Museum, the Percussive Arts Society and the Asia Society Texas Center.

Me: how did you get the idea of writing a book ?

Seema Rao: The book started out as a series of exercises I did as I was transitioning from a full-time job at a museum to a consultant. My previous job had been the only job I had ever had. I had it for 17 years. I had grown up taking classes at that museum and went there as a graduate student. Leaving that role felt more than leaving a job. It was like moving house. So I needed to find a new center. I played around with these exercises. As I told people about what I was doing, they seemed interested. Then I said I would making it into a book. The thing about telling someone you are doing something is that you have to do it. Sometimes when something scares me, I tell others as a way to ensure I face that challenge. Making the book challenged me in a good way, and I hoped sharing my techniques would help others.

Me: What is the most common reason of stress that you have seen so far ?

Seema Rao: Time is one of the most common. Either too little time to do something or too much expectation of what needs to get done in that time. Overwork is basically spending too much time on work, maybe due to bad management or financial need. As most work is connecting with other people, we end up dealing with different people’s conflicting senses of time. On a more practical level, the greatest stress for staff is security, financial particularly. Time intersects with financial security very commonly in our sector with staff having to decide if they can afford to work a museum job and still have the time to work another job.

Ms Seema Rao's book

Me: Did you attended to some lectures maybe with Musem Next ? If so can you tell me something about it ?

Seema Rao: I have attended MuseumNext and presented numerous times.

 

Seema Rao Lecture
https://www.museumnext.com/insight/leading-museum-inclusion/

 

Me: Your book try to offer some objective lesson and solutions, but do you have a good recipe that may work for anybody ?

Seema Rao: There is no one recipe. What does work is that everyone finds their particular mix of activities. I think a challenge is that people want to have a solution, and then they try the solution and it doesn’t work for them. The Self part is essential in the idea of self care. How you care for yourself is individual and you are the only one to decide what works.  Being in tune with yourself is essential to finding your best recipe.

Me: The most beautiful episode that happened to you working in a museum ?

Seema Rao: Such a hard question. I like to find beauty in everything, and find good in all moments. I will say I remember loving every moment I stood with a group of people and we all synched. We were in that moment making meaning together about that collection object. The ephemeral joy of teaching is a transitory, but glowing moment that truly enlivens me.

Me: The worst episode that happened and how you reacted to it ?

Seema Rao: My worst moments came with staff (tho many of my best were also with staff). The hard thing about work in museums is that most people care A LOT. Our work puts us in oppositions. I’m good work cultures, there is an way to work through issues. In bad ones, you have whispers, closed door deals, and the odd explosion. I’m no saint. I have sometimes been a bad colleague. I have also suffered bad ones. The situations weee exhausting. But not awful enough to make me leave the field. And in the end, I almost always still respected the staff afterward. We were each doing our job and doing our best.

Me: What are your advice for your colleagues ?

Seema Rao: Try to find joy in your working day. But also, allow your working day to stay at work. Also, be kind to yourself as you might be to others. We often put ourselves last, but this doesn’t actually make you better at work. It can just make you miserable.

Me: Do you think that something like yoga or tai chi may help against stress ? 

Seema Rao: Tai Chi is awesome. I’m not great with organized systems, like yoga or tai chi, and I know that about myself. For me, walking is better. But, I think it goes back to the idea that you need to find your best stress releases, and then do those activities.

Me: Wow, I’m impressed, congratulations, both for your book, and for your future work, thanks for agreeing to this interview, I’m sure, it will be of interest to many people.