PRIMAVERA AL FORTUNY

 For the English Translation, please scroll down the page, thank you .

PRIMAVERA AL FORTUNY.jpg
Recensione della nuova mostra a Palazzo Fortuny

Finalmente ha riaperto il Palazzo Fortuny, con due stupende mostre che si estende da piano terra fino al secondo piano. A piano terra possiamo ammirare un tributo rivolto all’artista Zoran Music, mentre nei piani superiori è focalizzato un estratto della collezione di Giuseppe Merlini.

Come tutti sappiamo Zoran Music era un pittore e incisore sloveno. Mušič nacque nel villaggio di Boccavizza in Slovenia. Dopo aver terminato gli studi all’Accademia dell’Arte di Zagabria nel 1934, Mušič cominciò la sua carriera, viaggiano tra Madrid, Curzola, Maribor, e Lubiana prima di stabilirsi a Trieste e a Venezia (1943) dove sposa Ida Barbarigo Cadorin che considera per tutta la vita la sua unica musa ispiratrice.

Nel novembre 1944, durante la seconda guerra mondiale, fu deportato nel campo di concentramento di Dachau, dove riuscì a ritrarre segretamente la vita del campo in circostanze estremamente difficili e pericolose.  Ventiquattro sono i disegni di Mušič firmati e datati Dachau 1945, che testimoniano la vita e la morte nel campo di concentramento.

La cosa più interessante di questa mostra è la ricreazione perfetta della stanza del seminterrato della sua villa a Zollikon, che egli decorò per conto delle sorelle. Una stanza, che da sola è un’opera d’arte; oltre alle pitture presenti nell’intonaco, Zoran, disegnò i motivi sulle tende e sulla tovaglia. Anche i mobili seppur non realizzati da lui, sono però stati scelti dall’artista. Finalmente dopo tantissimi anni, questa stanza, è stata recuperata grazie all’artista Paolo Cadorin, che era suo cognato. Ora la possiamo ammirare all’interno di Palazzo Fortuny.

Al primo e secondo piano, possiamo ammirare la maestosa collezione di Giuseppe Merlini, una collezione che spazia varie correnti pittoriche di tutto il 900. Tanto per citare alcuni nomi, ci sono dei bellissimi dipinti di Renato Guttuso, Roberto Crippa, Bruno Munari, Lucio Fontana, Fausto Melotti, Turi Simetti, Vincenzo Agnetti, grandi artisti di cui, molti ne ho sentito parlare molto nelle trasmissioni d’arte su Arte TV.

La mostra prosegue al secondo piano, dove troviamo capolavori di Sergio Romiti, Giulio Turcato, Pompilio Mandelli, Enzo Cacciola, Valentino Vago, Claudio Olivieri, ect.

Sono rimasto molto impressionato sia dalla grande quantità di opere, sia dalla loro bellezza. Il primo e secondo piano, ospitano delle opere veramente straordinarie.

Consiglio a tutti, di andare a vedere queste bellissime mostre, ospitate in uno dei più bei musei di Venezia, non ve ne pentirete !!

primavera fortuny copy2.jpg

 

 

 

 

 

Spring at Fortuny Palace !

PRIMAVERA AL FORTUNY.jpg
Recensione della nuova mostra a Palazzo Fortuny

Finally the Palazzo Fortuny has reopened, with two wonderful exhibitions that extend from the ground floor to the second floor. On the ground floor we can admire a tribute to the artist Zoran Music, while in the upper floors we can see an extract from the collection of Giuseppe Merlini.

As we all know, Zoran Music was a Slovenian painter and engraver. Mušič was born in 1909, in the village of Boccavizza in Slovenia. After finishing his studies at the Zagreb Academy of Art in 1934, Mušič began his career, traveling between Madrid, Korčula, Maribor, and Ljubljana before settling in Trieste and Venice (1943) where he married Ida Barbarigo Cadorin, who considered his whole life his only inspiring muse.

In November 1944, during the Second World War, he was deported to the Dachau concentration camp, where he managed to secretly portray the life of the camp in extremely difficult and dangerous circumstances. Twenty-four are the drawings by Mušič signed and dated Dachau 1945, which testify the life and death in the concentration camp.

The most interesting thing about this exhibition is the perfect recreation of the basement room of his villa in Zollikon, which he decorated on behalf of the sisters. A room, which alone is a work of art; in addition to the paintings in the plaster, Zoran designed the patterns on the curtains and the tablecloth. Even the furniture, although not made by him, have however been chosen by the artist. Finally, after many years, this room has been recovered thanks to the artist Paolo Cadorin, who was his brother-in-law. Now we can admire it inside Fortuny Palace.

On the first and second floor, we can admire the majestic collection of Giuseppe Merlini, a collection that spans various painting currents from around the 900. Just to mention some names, there are some beautiful paintings by Renato Guttuso, Roberto Crippa, Bruno Munari, Lucio Fontana , Fausto Melotti, Turi Simetti, Vincenzo Agnetti, great artists of whom, many I have heard a lot in the art broadcasts on Arte TV.

The exhibition continues on the second floor, where we find masterpieces by Sergio Romiti, Giulio Turcato, Pompilio Mandelli, Enzo Cacciola, Valentino Vago, Claudio Olivieri, ect.

I was very impressed by both the large amount of works and their beauty. The first and second floors are home to truly extraordinary works.

I recommend everyone, to go and see these beautiful exhibitions, hosted in one of the most beautiful museums in Venice, you will not regret!

primavera fortuny copy2

 

Annunci

Cadorin al Museo Fortuny

cadorin-fortuny

 

For the English translation, please scroll down the page, thank you.

Giorni fa, ho avuto la fortuna di avere un turno nel bellissimo Museo Fortuny, il quale in questo momento, ospita la mostra “LA BOTTEGA CADORIN. Una dinastia di artisti veneziani” che si terrà dal 26 novembre fino al 27 marzo del prossimo anno. La mostra occupa il piano terra, il primo e il secondo piano,  e contiene un gran numero di splendide opere d’arte: dai disegni, fotografie, sculture, tutte ad opera della famiglia Cadorin.

Voglio anche rendervi noto, che al primo piano sono esposti dei ulteriori quadri di Mariano Fortuny, che precedentemente erano stati tolti, per fare spazio alle opere delle varie mostre precedenti. Alcuni dei quali, sono i magnifici quadri a tema Wagneriano, che sono molto affascinanti !

I Cadorin, una famiglia di artisti, provenienti da Pieve di Cadore, hanno rappresentato per Venezia, un capitolo nella storia dell’arte durata quasi tre secoli. Da Vincenzo, fino a Guido, Livia, e poi Paolo e Ida Barbarigo, si possono ammirare questi loro capolavori, all’interno di questo bellissimo museo.

Personalmente, mi sono piaciute molto le foto in tonalità seppia, che sono al secondo piano, di Augusto Tivoli che rappresentano Livia o Maria.. Anche i disegni e i quadri di Guido Cadorin, sono molto belli.

Mi ha fatto piacere rivedere alcuni quadri di Ida Barbarigo.. alcuni erano già presenti in una precedente mostra dedicata a quattro splendide donne: Henriette Fortuny, Ida Barbarigo, Sarah Moon, e Romain Brooks, dell’anno scorso. In più ci sono dei quadri di Zoran Music, il marito di Ida Barbarigo, che sebbene, possano sembrare un po difficili da capire, ci appaiono subito dopo comprensibili, una volta letta la sua biografia, in quanto egli fu scosso dal suo periodo di prigionia durante la seconda guerra mondiale nel campo di concentramento di Dachu.

Invito tutti voi, ad andare a vedere questa bellissima mostra. Avrete l’occasione di vedere nuovi capolavori, di rivedere quelli già presenti: Palazzo Fortuny, non è solo un museo, è un’ambiente magico, affascinante, pieno di atmosfera, pieno di incredibili tesori d’arte; e visto che tale museo, apre solo per mostre, è un peccato perdere questa occasione !

Cadorin at Fortuny Museum

 

cadorin-fortuny

Days ago, I was lucky enough to have a shift of work in the beautiful Fortuny Museum, which at this moment, is hosting the exhibition “LA BOTTEGA CADORIN. A dynasty of Venetian artists” to be held from November 26 until March 27 next year. The exhibition occupies the ground floor, the first and second floors, and contains a large number of beautiful works of art: drawings, photographs, sculptures, all by the Cadorin family.

I also want to let you know that on the first floor are the other paintings by Mariano Fortuny, which had previously been removed, to make room for works of several previous exhibitions. Some of which, are the magnificent paintings themed Wagner, which are very fascinating!

The Cadorin, a family of artists, from Pieve di Cadore, they represent for Venice, a chapter in art history lasted almost three centuries. From Vincenzo, until Guido, Livia, and then Paul and Ida Barbarigo, you can admire these masterpieces , within this beautiful museum.

Personally, I loved the photos in sepia colours, which are on the second floor,  by Augusto Tivoli representing Livia and Mary .. Even the drawings and paintings by Guido Cadorin, are very beautiful.

I was pleased to see some pictures of Ida Barbarigo .. some were already present in a previous exhibition dedicated to four beautiful women: Henriette Fortuny, Ida Barbarigo, Sarah Moon, and Romain Brooks,  last year. In addition there are the paintings of Zoran Music, the husband of Ida Barbarigo, that although, they may seem a bit difficult to understand, they appear soon after understandable once you read his biography, because he was shaken from his period of captivity during World war II in the concentration camp of Dachu.

I invite all of you to go and see this beautiful exhibition. You will have the opportunity to see new masterpieces, to revise existing ones: Palazzo Fortuny, is not just a museum, it is a magical environment, charming, full of atmosphere, full of amazing art treasures; and given that this museum, is open only for exhibitions, it is a shame to miss this opportunity!

8 marzo a Venezia

mimosarezzonico

For the English version, please scroll down the page

In occasione della festa della donna, nella giornata di martedì 8 marzo i musei Civici Veneziani offrono l’accesso gratuito TUTTE LE DONNE dei comuni della Città Metropolitana di Venezia, e l’orario di visita sarà prolungato fino alle ore 19.00. I musei della Fondazione che aderiscono a questa iniziativa sono:

Museo Correr – Museo di Cà Pesaro – Museo di Palazzo Mocenigo – Museo di Casa Goldoni – Museo di Storia Naturale – Museo del vetro di Murano – Museo del Merletto di Burano – Palazzo Fortuny.

E’ una splendida iniziativa, e sono il primo ad esserne felice. Ritengo purtroppo che adesso come adesso, la festa della donna, sia diventata solo un evento commerciale, e si rischia di dimenticare l’origine di questa celebrazione, e di cosa voglia significare.

Il 25 marzo del 1911 scoppio il più devastante incendio che New York abbia mai conosciuto, in soli 18 minuti la fabbrica Triangle divenne una trappola mortale dove perirono 146 persone, tra cui 123 donne. Le cause furono dovute alla totale assenza di regole di prevenzione di incendi, per cui  tessuti infiammabili immagazzinati per tutta la fabbrica, scarti di tessuto sparsi per il pavimento, gli uomini che lavoravano come tagliatori a volte fumavano, l’illuminazione era fornita da luci a gas aperte e c’erano pochi secchi d’acqua per spegnere gli incendi.

Questi sono i nomi delle vittime, per non dimenticare:

Adler, Lizzie, 24 – Altman Anna 16 – Ardito, Annina, 25 – Bassino, Rose, 31 – Benanti, Vincenza, 22 – Berger, Yetta, 18 – Bernstein, Essie, 19 – Bernstein, Jacob, 38 – Bernstein, Morris, 19 – Billota, Vincenza, 16 – Binowitz, Abraham, 30 – Birman, Gussie, 22 – Brenman, Rosie, 23 – Brenman, Sarah, 17 – Brodsky, Ida, 15 – Brodsky, Sarah, 21 – Brucks, Ada, 18 – Brunetti, Laura, 17 – Cammarata, Josephine, 17 – Caputo, Francesca, 17 – Carlisi,  – osephine, 31 – Caruso, Albina, 20 – Ciminello, Annie, 36 – Cirrito, Rosina, 18 – Cohen,  – nna, 25 – Colletti, Annie, 30 – Cooper, Sarah, 16 – Cordiano , Michelina, 25 – Dashefsky, Bessie, 25 – Del Castillo, Josie, 21 – Dockman, Clara, 19 – Donick, Kalman, 24 – Driansky, Nettie, 21 – Eisenberg, Celia, 17 – Evans, Dora, 18 – Feibisch, Rebecca, 20 – Fichtenholtz, Yetta, 18 – Fitze, Daisy Lopez, 26 – Floresta, Mary, 26 – Florin, Max, 23 – Franco, Jenne, 16 – Friedman, Rose, 18 – Gerjuoy, Diana, 18 – Gerstein, Molly, 17 – Giannattasio, Catherine, 22 – Gitlin, Celia, 17 – Goldstein, Esther, 20 – Goldstein, Lena, 22 – Goldstein, Mary, 18 – Goldstein, Yetta, 20 – Grasso, Rosie, 16 – Greb, Bertha, 25 – Grossman, Rachel, 18 – Herman, Mary, 40 – Hochfeld, Esther, 21 – Hollander, Fannie, 18 -Horowitz, Pauline, 19 – Jukofsky, Ida, 19 -Kanowitz, Ida, 18 -Kaplan, Tessie, 18 -Kessler, Beckie, 19 -Klein, Jacob, 23 -Koppelman, Beckie, 16 -Kula, Bertha, 19 -Kupferschmidt, Tillie, 16 -Kurtz, Benjamin, 19 -L’Abbate, Annie, 16 -Lansner, Fannie, 21 -Lauletti, Maria Giuseppa, 33

Lederman, Jennie, 21 -Lehrer, Max, 18 -Lehrer, Sam, 19 -Leone, Kate, 14 -Leventhal, Mary, 22 – Levin, Jennie, 19 -Levine, Pauline, 19 – Liebowitz, Nettie, 23 -Liermark, Rose, 19 -Maiale, Bettina, 18 -Maiale, Frances, 21 -Maltese, Catherine, 39 -Maltese, Lucia, 20 -Maltese, Rosaria, 14 -Manaria, Maria, 27 -Mankofsky, Rose, 22 – Mehl, Rose, 15 – Meyers, Yetta, 19 – Midolo, Gaetana, 16 – Miller, Annie, 16 – Neubauer, Beckie, 19 – Nicholas,  – nnie, 18 – Nicolosi, Michelina, 21 – Nussbaum, Sadie, 18 – Oberstein, Julia, 19 – Oringer, Rose, 19 – Ostrovsky , Beckie, 20 – Pack, Annie, 18 – Panno, Provindenza, 43, Pasqualicchio, Antonietta, 16 – Pearl, Ida, 20 – Pildescu, Jennie, 18 – Pinelli, Vincenza, 30 – Prato, Emilia, 21 – Prestifilippo, Concetta, 22 – Reines, Beckie, 18 – Rosen (Loeb), Louis, 33 – Rosen, Fannie, 21 – Rosen, Israel, 17 – Rosen, Julia, 35 – Rosenbaum, Yetta, 22 – Rosenberg, Jennie, 21 – Rosenfeld, Gussie, 22 – Rothstein, Emma, 22 – Rotner, Theodore, 22 – Sabasowitz, Sarah, 17 – Salemi, Santina, 24 – Saracino, Sarafina, 25 – Saracino, Teresina, 20 – Schiffman, Gussie, 18 – Schmidt, Theresa, 32 – Schneider, Ethel, 20 – Schochet, Violet, 21 – Schpunt, Golda, 19 – Schwartz, Margaret, 24 – Seltzer, Jacob, 33 – Shapiro, Rosie, 17 – Sklover, Ben, 25 – Sorkin, Rose, 18 – Starr, Annie, 30 – Stein, Jennie, 18 – Stellino, Jennie, 16 – Stiglitz, Jennie, 22 – Taback, Sam, 20 – Terranova, Clotilde, 22  Tortorelli, Isabella, 17 – Utal, Meyer, 23 – Uzzo, Catherine, 22 – Velakofsky, Frieda, 20 – Viviano, Bessie, 15 – Weiner, Rosie, 20 – Weintraub, Sarah, 17 – Weisner, Tessie, 21 – Welfowitz, Dora, 21 – Wendroff, Bertha, 18 – Wilson, Joseph, 22 – Wisotsky, Sonia, 17.

 

Non dobbiamo dimenticarci di loro, come non dobbiamo dimenticare del ruolo che le donne occupano nella vita di oggi, delle donne che combattono,che soffrono. Sembra una coincidenza che in questo periodo, si trova nelle sale cinematografiche questo film :

 

Con il termine suffragette si indicavano le appartenenti a un movimento di emancipazione femminile nato per ottenere il diritto di voto per le donne. In seguito la parola “suffragetta” ha finito per indicare,  la donna che lotta o si adopera per ottenere il riconoscimento della piena dignità delle donne, coincidendo con il termine femminista. Insieme a loro, ci sono state tante altre donne, che hanno lottato per i loro diritti, o farsi strada in un mondo di uomini, ecco qui alcuni nomi, che ho trovato :

Maria Skłodowska, conosciuta come Marie Curie, è stata una chimica e fisica polacca e in seguito francese. Nel 1903 fu insignita del premio Nobel per la fisica (assieme al marito Pierre Curie e ad Antoine Henri Becquerel) per i loro studi sulle radiazioni e, nel 1911, del premio Nobel per la chimica per la sua scoperta del radio e del polonio. Marie Curie è stata l’unica donna tra i quattro vincitori di più di un Nobel e, insieme a Linus Pauling, l’unica ad averlo vinto in due aree distinte. Marie Curie crebbe nella Polonia russa; poiché qui le donne non potevano essere ammesse agli studi superiori, si trasferì a Parigi e nel 1891 iniziò a frequentare la Sorbona, dove si laureò in fisica e matematica. Nel dicembre del 1897 iniziò a compiere degli studi sulle sostanze radioattive, che da allora rimasero al centro dei suoi interessi. Dopo la morte accidentale del marito Pierre Curie, avvenuta nel 1906, le fu concesso di insegnare nella prestigiosa università della Sorbona. Due anni più tardi le venne assegnata la cattedra di fisica generale, diventando la prima donna ad insegnare alla Sorbona.

Ipàzia di Alessandria: è stata una matematica, astronoma e filosofa greca antica. Rappresentante della filosofia neo-platonica, la sua uccisione da parte di una folla di cristiani in tumulto, per alcuni autori composta di monaci detti parabolani, l’ha resa una «martire della libertà di pensiero».

George Sand, pseudonimo di Amantine, è stata una scrittrice e drammaturga francese. Considerata tra le autrici più prolifiche della storia della letteratura, è autrice di numerosi romanzi, novelle e drammi teatrali; tra i suoi scritti più illustri vi sono Indiana, Lélia, Consuelo, La palude del diavolo, La piccola Fadette, François le Champi e l’autobiografia Storia della mia vita (Histoire de ma vie).  Femminista molto moderata, fu attiva nel dibattito politico e partecipò, senza assumere una posizione di primo piano, al governo provvisorio del 1848, esprimendo posizioni vicine al socialismo, che abbandonò alla fine della sua vita per un moderato repubblicanesimo. La sua opposizione alla politica temporalistica e illiberale del papato le costò la messa all’Indice di tutti i suoi scritti nel dicembre del 1863. Sand è inoltre ricordata anche per il suo anticonformismo e per le relazioni sentimentali avute con lo scrittore Alfred de Mussete con il musicista Fryderyk Chopin.

Anna Maria Mozzoni è stata una giornalista italiana, attivista dei diritti civili e pioniera del femminismo in Italia.

Amelia Mary Earhart scomparsa nell’Oceano Pacifico presso l’isola Howland il 2 luglio 1937) è stata un’aviatrice statunitense. Sedici primati mondiali, ha ispirato libri, serie tv e film, come Star Trek, Il Corvo, Amelia, Una notte al museo. A fermarla è stato un incidente, ancora avvolto nel mistero, accaduto mentre stava per concludere il suo sogno più grande: il giro del mondo. Dopo 22.000 miglia, quando le mancava un terzo del tragitto per finire, è scomparsa. “Nelle spedizioni future le donne si assumeranno responsabilità sempre più grandi e il genere a cui appartengono inciderà sempre meno sul riconoscimento del loro valore, che avverrà alla luce dei risultati raggiunti”, di questo, Amalia era profondamente convinta.

Maria Tecla Artemisia Montessori fu un’educatrice, pedagogista,filosofa, medico e scienziata italiana, internazionalmente nota per il metodo educativo che prende il suo nome, adottato in migliaia di scuole materne, primarie, secondarie e superiori in tutto il mondo; fu tra le prime donne a laurearsi in medicina in Italia.

Wangari Muta Maathai  è stata un’ambientalista, attivista politica e biologa keniota. Nel 2004 è diventata la prima donna africana ad aver ricevuto il Premio Nobel per la Pace per «il suo contributo alle cause dello sviluppo sostenibile, della democrazia e della pace». È stata membro del parlamento keniota e Assistente Ministro per l’Ambiente e le Risorse Naturali nel governo del presidente Mwai Kibaki, fra il gennaio 2003 e il novembre 2005. Apparteneva all’etnia kikuyu.

Vorrei spendere anche qualche parola, per tutte le ragazze madri, che si trovano da sole a far crescere i figli, o alle donne perseguitate dai stalker. Finalmente sembra che ci sia la legge per gli incidenti stradali, possibile che non si riesca a fare di più per queste donne che vengono tormentate, picchiate, dobbiamo sempre aspettare, fino a quando è troppo tardi ??

Desidero finire questo blog dicendovi questo: che questa festa, sia ricordata per quello che è, e non si festeggi la donna, solo l’8 marzo, ma ogni giorno !

Gli operatori Museali della Fondazione Civici Musei augurano Felice 8 marzo a tutte le donne. Vi aspettiamo nei nostri musei !

English Version

8 March in Venice

mimosarezzonico

On the occasion of Women’s Day, Tuesday March 8, the Venetians civic museums offer free access to all women of the municipalities of the Metropolitan City of Venice, and visiting hours will be extended until 19.00 hours. The Foundation’s museums participating in this initiative are:

Correr Museum – Cà Pesaro Museum – Mocenigo Palace – Carlo Goldoni’s house – Natural History Museum – Glass Museum in Murano – Lace Museum in Burano – Fortuny Palace.

It ‘a wonderful initiative, and I am very happy about this. I think, unfortunately, that right now, Women’s Day, has become just a commercial event, and that we may forget the origin of this celebration, and what it means.

On March 25, 1911 happened the most devastating fire that New York has ever known; in only 18 minutes the Triangle factory became a death trap, and 146 people perished, including 123 women. The causes were due to the total absence of fire prevention rules, flammable fabrics stored for the whole factory, fabric scraps scattered around the floor, the men working as cutters sometimes smoked, the lighting was provided by lights open gas and there were a few buckets of water to put out fires.

These are the names of the victims, not to forget:

Adler, Lizzie, 24 – Altman Anna 16 – Ardito, Annina, 25 – Bassino, Rose, 31 – Benanti, Vincenza, 22 – Berger, Yetta, 18 – Bernstein, Essie, 19 – Bernstein, Jacob, 38 – Bernstein, Morris, 19 – Billota, Vincenza, 16 – Binowitz, Abraham, 30 – Birman, Gussie, 22 – Brenman, Rosie, 23 – Brenman, Sarah, 17 – Brodsky, Ida, 15 – Brodsky, Sarah, 21 – Brucks, Ada, 18 – Brunetti, Laura, 17 – Cammarata, Josephine, 17 – Caputo, Francesca, 17 – Carlisi,  – osephine, 31 – Caruso, Albina, 20 – Ciminello, Annie, 36 – Cirrito, Rosina, 18 – Cohen,  – nna, 25 – Colletti, Annie, 30 – Cooper, Sarah, 16 – Cordiano , Michelina, 25 – Dashefsky, Bessie, 25 – Del Castillo, Josie, 21 – Dockman, Clara, 19 – Donick, Kalman, 24 – Driansky, Nettie, 21 – Eisenberg, Celia, 17 – Evans, Dora, 18 – Feibisch, Rebecca, 20 – Fichtenholtz, Yetta, 18 – Fitze, Daisy Lopez, 26 – Floresta, Mary, 26 – Florin, Max, 23 – Franco, Jenne, 16 – Friedman, Rose, 18 – Gerjuoy, Diana, 18 – Gerstein, Molly, 17 – Giannattasio, Catherine, 22 – Gitlin, Celia, 17 – Goldstein, Esther, 20 – Goldstein, Lena, 22 – Goldstein, Mary, 18 – Goldstein, Yetta, 20 – Grasso, Rosie, 16 – Greb, Bertha, 25 – Grossman, Rachel, 18 – Herman, Mary, 40 – Hochfeld, Esther, 21 – Hollander, Fannie, 18 -Horowitz, Pauline, 19 – Jukofsky, Ida, 19 -Kanowitz, Ida, 18 -Kaplan, Tessie, 18 -Kessler, Beckie, 19 -Klein, Jacob, 23 -Koppelman, Beckie, 16 -Kula, Bertha, 19 -Kupferschmidt, Tillie, 16 -Kurtz, Benjamin, 19 -L’Abbate, Annie, 16 -Lansner, Fannie, 21 -Lauletti, Maria Giuseppa, 33

Lederman, Jennie, 21 -Lehrer, Max, 18 -Lehrer, Sam, 19 -Leone, Kate, 14 -Leventhal, Mary, 22 – Levin, Jennie, 19 -Levine, Pauline, 19 – Liebowitz, Nettie, 23 -Liermark, Rose, 19 -Maiale, Bettina, 18 -Maiale, Frances, 21 -Maltese, Catherine, 39 -Maltese, Lucia, 20 -Maltese, Rosaria, 14 -Manaria, Maria, 27 -Mankofsky, Rose, 22 – Mehl, Rose, 15 – Meyers, Yetta, 19 – Midolo, Gaetana, 16 – Miller, Annie, 16 – Neubauer, Beckie, 19 – Nicholas,  – nnie, 18 – Nicolosi, Michelina, 21 – Nussbaum, Sadie, 18 – Oberstein, Julia, 19 – Oringer, Rose, 19 – Ostrovsky , Beckie, 20 – Pack, Annie, 18 – Panno, Provindenza, 43, Pasqualicchio, Antonietta, 16 – Pearl, Ida, 20 – Pildescu, Jennie, 18 – Pinelli, Vincenza, 30 – Prato, Emilia, 21 – Prestifilippo, Concetta, 22 – Reines, Beckie, 18 – Rosen (Loeb), Louis, 33 – Rosen, Fannie, 21 – Rosen, Israel, 17 – Rosen, Julia, 35 – Rosenbaum, Yetta, 22 – Rosenberg, Jennie, 21 – Rosenfeld, Gussie, 22 – Rothstein, Emma, 22 – Rotner, Theodore, 22 – Sabasowitz, Sarah, 17 – Salemi, Santina, 24 – Saracino, Sarafina, 25 – Saracino, Teresina, 20 – Schiffman, Gussie, 18 – Schmidt, Theresa, 32 – Schneider, Ethel, 20 – Schochet, Violet, 21 – Schpunt, Golda, 19 – Schwartz, Margaret, 24 – Seltzer, Jacob, 33 – Shapiro, Rosie, 17 – Sklover, Ben, 25 – Sorkin, Rose, 18 – Starr, Annie, 30 – Stein, Jennie, 18 – Stellino, Jennie, 16 – Stiglitz, Jennie, 22 – Taback, Sam, 20 – Terranova, Clotilde, 22  Tortorelli, Isabella, 17 – Utal, Meyer, 23 – Uzzo, Catherine, 22 – Velakofsky, Frieda, 20 – Viviano, Bessie, 15 – Weiner, Rosie, 20 – Weintraub, Sarah, 17 – Weisner, Tessie, 21 – Welfowitz, Dora, 21 – Wendroff, Bertha, 18 – Wilson, Joseph, 22 – Wisotsky, Sonia, 17.

We must not forget them, as we must not forget the role that women occupy in today’s life, women who fight, who suffer. It seems a coincidence that in this period, is in theaters this film:

 

The term suffragettes were indicated belonging to a female emancipation movement started to gain the right to vote for women. Later the word “suffragette” has come to indicate, the woman who struggles or strives to achieve recognition of the full dignity of women, coinciding with the term feminist. Along with them, there were many other women, who have fought for their rights, or make their way in a man’s world, here are some names that I found:

Maria Sklodowska, known as Marie Curie, was a chemistry and physics Polish and French followed. In 1903 he was awarded the Nobel Prize in Physics (together with her husband Pierre Curie and Henri Becquerel) for their studies on radiation and, in 1911, the Nobel Prize for Chemistry for her discovery of radium and polonium. Marie Curie was the only woman among the four winners of the Nobel and, along with Linus Pauling, the only one to have won it in two distinct areas. Marie Curie grew in Russian Poland; because here women could not be admitted to higher education, he moved to Paris and in 1891 he attended the Sorbonne, where he graduated in physics and mathematics. In December of 1897 he began making studies of the radioactive substances, which has since remained the center of his interests. After the accidental death of her husband Pierre Curie, in 1906, she was allowed to teach at the prestigious Sorbonne University. Two years later she accepted the chair of general physics, becoming the first woman to teach at the Sorbonne.

Hypatia of Alexandria was a mathematician, astronomer and ancient Greek philosopher. Representative of the neo-Platonic philosophy, she’s killing by a mob of Christians in turmoil, for some authors composed of such parabolani monks, has made a “martyr of the freedom of thought.”

George Sand, pseudonym of Amantine, was a French writer and playwright. Considered one of the most prolific authors of the history of literature, she is the author of numerous novels, short stories and dramas; among her most illustrious include Indiana, Lélia, Consuelo, The Swamp Devil, Little Fadette, François le Champi and autobiography The Story of My Life (Histoire de ma vie). Feminist very moderate, was active in the political debate and participated, without assuming a leading position, the Provisional Government of 1848, expressing positions close to socialism, who left at the end of his life to a moderate republicanism. Her opposition to temporalistic illiberal politics and the papacy cost her placed on the Index of all his writings in December 1863. Sand  is also remembered for her unconventionality and romantic relationships she had with the writer Alfred de Mussete, and with the composer Fryderyk Chopin.

Anna Maria Mozzoni was an Italian journalist, a civil rights activist and a pioneer of feminism in Italy.

Amelia Mary Earhart disappeared in the Pacific Ocean near the island Howland July 2, 1937. She was an American aviator. Sixteen world records, she has inspired books, TV series and films, such as Star Trek, The Crow, Amelia, Night at the Museum. What stop her, was an accident, still shrouded in mystery, it happened while she was about to finish her biggest dream: travel around the world. After 22,000 miles, when she missed a third of the way to finish, she has disappeared. “In future shipments women will take on increasingly important responsibilities, and gender to which they belong will impact less on the recognition of their value, which will take place in the light of the results achieved,” of this, Amalia was deeply convinced.

Maria Tecla Artemisia Montessori was a teacher, educator, philosopher, doctor and Italian scientist, internationally known for hers educational method that takes hers name, adopted in thousands of kindergartens, primary schools, secondary and higher around the world; She was among the first women to graduate in medicine in Italy.

Wangari Muta Maathai was an environmentalist, political activist and Kenyan biologist. In 2004 she became the first African woman to receive the Nobel Peace Prize for “her contribution to the cause of sustainable development, democracy and peace”. She was a member of parliament and the Kenyan Assistant Minister for Environment and Natural Resources in the government of President Mwai Kibaki between January 2003 and November 2005. She belonged to ethnic Kikuyu.

And after these important  women of history, I wish to say a few words, for all single mothers, who are on their own to bring up their children, or for the women who are harassed by stalkers. Finally there seems to be a law for traffic accidents,  but why we may not be able to do more for these women who are harassed, beaten, why we always have to wait until it is too late ??

I wish to end this blog  saying this: Let  this day, be remembered for what it is, and  do not celebrate the women, only on March 8, but every day!

The Attendants Museums of the  Foundation Civic Museums wish Happy March 8 to all women! We will be waiting for you all in our museums!

S. Valentino

carezzonico s.valentino copy.jpg

For the english version, please scroll down the page

E dopo Carnevale, ecco un’altra splendida occasione per voi tutti che venite a visitare Venezia ! Quale magnifica occasione di visitare una città romantica come Venezia, proprio nel giorno di S. Valentino ! E perché non farlo dentro ai Musei Civici ?

Una leggenda, dice che il ponte dei sospiri di Palazzo Ducale, è il ponte degli innamorati, ma purtroppo devo confessarvi che non è così. I sospiri non erano di innamorati , ma di condannati alle prigioni del Palazzo, e quando attraversavano il ponte, attraverso le inferiate, potevano vedere per l’ultima volta il mondo esterno, ecco il perché dei sospiri.

Ma leggenda a parte, tutta la città di Venezia è romantica e meta ideale per il vostro S. Valentino, e potete prendere due piccioni con una fava e visitare i magnifici Musei Civici ! Palazzo Ducale, Museo di Cà Rezzonico, Museo Correr, Palazzo Fortuny, Casa Goldoni, Palazzo Mocenigo, Museo di Cà Pesaro ! Sono tutte mete speciali per passare un week end (o più giorni) per le coppie innamorate.. Vi aspettiamo !!

S. Valentine’s day in Venice !

Valentine's day copy.jpg

And after the Carnival, you have another wonderful opportunity  to visit Venice! What a unique occasion to visit a romantic city like Venice, right in the Valentine’s Day! And why not do it visiting the beautiful Civic Museums?

A legend says that the bridge of sighs of the Doge’s Palace, is the bridge of lovers, but unfortunately I have to confess that it is not true! The sighs were not from men in love, but from the sentenced criminals to the prisons of the palace, when they crossed the bridge, through the bars, they could see for the last time the outside world, that’s why they sighed.

But legends aside, the whole city of Venice is romantic and ideal destination for your S.Valentine’s day and  you can kill two birds with one stone choosing to visit the magnificent Civic Museums while you are there! The Doge’s Palace, the Museum of Ca ‘Rezzonico, Correr Museum, Fortuny’s Palace, Goldoni’s House, Mocenigo’s Palace, the Museum of Cà Pesaro! They are all special places to spend a weekend (or more days) for couples in love .. Come, we will welcome all of you with open arms !!

4 Grandi Donne

For the english version, please scroll down the page.

museo fortuny

Di recente sono stato di turno al Museo Fortuny di Venezia. Per chi non lo sapesse, il Museo Fortuny, a differenza di tutti gli altri musei della Fondazione Civici di Venezia, è particolare per almeno due ragioni:

  • Ospita per la maggior parte, mostre ispirate alle donne, o create da artiste donne, anche se sono state ospiti mostre di ogni artista, ma ognuna stupenda nel suo genere.

 

  • Apre solo quando c’è una mostra da esporre, altrimenti rimane chiuso. Ecco perché non bisogna lasciarsi scappare l’opportunità di vedere questo stupendo museo quando è aperto.

 

In questo periodo il museo Fortuny, non ospita una mostra, ma bensì quattro ! Si avete capito bene, ci sono quattro stupende mostre, che attendono solo voi. Queste mostre fanno parte del ciclo “inverno a Palazzo Fortuny” e ospitano su tre piani (dal piano terra fino al secondo – il terzo è chiuso) le mostre dedicate a quattro stupende donne:

  • Henriette Fortuny
  • Romaine Brooks
  • Sarah Moon
  • Ida Barbarigo

A piano terra, è ospitato la mostra dedicata a Ida Barbarigo: “Erme e Saturni” questo è il titolo di questa sua mostra. Sebbene io non avessi lavorato a quel piano, mi ci sono recato nel mio giorno libero, per avere un’idea più chiara su queste intriganti artiste. Ebbene si, intriganti, ho usato questa parola, diciamo che sono piene di fascino, mistero queste donne, e i loro capolavori sono meravigliosi, enigmatici a volte, ma sempre stupendi  e ricchi di significato, di domande.

Ammetto che le opere di Ida Barbarigo non sono di facile interpretazione, il che mi fa pensare se è necessario un maggior studio delle sue opere. Ella è una discendente di una famiglia di artisti, le opere presenti, sono state concepite tra il 1980 e la fine degli anni novanta. Le Erme e i Saturni, sono delle enigmatiche opere che rappresentano il difficile percorso dell’artista, tramite la pittura, la tela, i colori ect.

Rimango alcuni minuti a guardare le sue opere mentre le memorizzo nella memory card della mia macchina fotografica. Faraoni, sfingi, erme, saturni.. Tutti quadri con forte tinte di rosso, personaggi che si coprono il volto con le mani, o appena distinguibili, come fossero trasparenti, o circondati dalla nebbia.. questa è l’impressione che ho avuto, anche se ripeto, è solo un’opinione dettata dalla mia scarsa preparazione pittorica.

Mi reco all’accesso per i piani superiori, passo il bookshop dove più tardi comprerò i libri su queste donne che mi hanno tanto colpito. Come giungo in cima, mi colpisce, mi lascia del tutto senza fiato il splendido quadro di Romaine Brooks “primavera”. Non ho mai visto niente del genere, niente di così bello !

Romaine_Brooks2

Romaine Brooks, era una donna straordinaria, mi sarebbe piaciuto tanto averla conosciuta. Una donna fragile, dall’anima un po tormentata, a causa della madre che ricopriva di più attenzioni il figlio afflitto da una malattia mentale, sentendosi così rifiutata.

Tornando al dipinto, esso vede come protagonista una donna nuda di cui una metà coperta da un mantello nero, mentre tiene una lunga ghirlanda di fiori, mentre un cervo solitario sembra allontanarsi dalla scena. Chi è costei ? Questa splendida creatura dallo sguardo rivolto verso il basso, quasi chiuso? Ella è Persephone, la Dea mitologica rapita da Ade e portata negli inferi. In che contesto temporale è qui inquadrata ? Prima del suo rapimento, o durante uno dei suoi temporanei ritorni nella sfera terreste ?

La Dea non è proprio collocata al centro del quadro, eppure lei è la figura dominante, tutto il resto passa in secondo piano, come se tutto il resto fosse inghiottito dalla nebbia. L’espressione del viso è quella che colpisce più di tutto.. sembra quasi tristezza, ma di chi ? Di Persephone o dell’artista ?

Altri suoi quadri sono altrettanto belli e significativi, il secondo più bello direi che è la “Venere piangente” le cui sembianze sembrano siano state prese dalla modella Ida Rubinstein, che senz’altro si può affermare, sia stata una dei personaggi che ha ispirato l’artista e che sono stati importanti nella sua vita. Altri suoi lavori importanti sono stati il ritratto di Gabriele D’Annunzio, di Jean Cocteau, di Paul Morand; I suoi disegni sono semplici ma ricchi di signicato.. eppure mi torna sempre in mente l’immagine della “primavera” !

Il primo piano però non è incentrato solo su di lei, ci sono molte opere che ricordano Henriette Fortuny l’unica vera musa di Fortuny stesso. Mi viene il mente il detto che dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna. Bè è il suo caso. Almeno è questo che traspare dalle foto, dai piccoli frammenti di vecchi filmini delle vacanze . La storia di una coppia semplice, di due parti che si sono trovate, e che insieme hanno fatto la storia del tessuto. E’ lo stesso Mariano Fortuny a rivelare che dietro il successo del Delphos c’è proprio Henriette, infatti la si nota in molte foto mentre indossa l’abito. Esso non è altro che una tunica in taffetà di seta con una plissettatura che si rifà ad Auriga, la statua di bronzo scoperta a Delfi. Anche il knossos ebbe molto sucesso: un telo fatto in raso di seta, stampato in nero e avorio su sfondo chiaro con motivi greci tra l’ellenico e il minoico. Fortuny fu molto conosciuto all’estero, specialmente negli Stati Uniti, quando Elsie McNeil, lo convinse ad aprire un negozio da lei gestito a New york, sarà proprio a lei che Henriette affiderà il destino della fabbrica della giudecca dopo la morte di Fortuny avvenuta nel 1949.

Conde_nast_fortuny

E’ stupefacente poter ammirare tutte queste fotografie, quadri dove Henriette viene ritratta, è per noi un’opportunità di conoscere questa donna straordinaria, che fino adesso non avevo sentito parlare tanto. Ovviamente di Mariano Fortuny si è detto, si è scritto tanto, ma grazie a questa mostra, si può finalmente conoscere, ammirare questa grande donna !

Sarah Moon è presente al secondo piano. Quarta donna ospite in questo museo, ella ha voluto offrire un omaggio a Mariano Fortuny con le sue foto, le sue stampe a getto d’inchiostro e ai sali d’argento. Il bianco e nero, delle sue opere, è volutamente scelto perché comunica un punto di vista totalmente differente. Il bianco e nero rievoca il passato, i ricordi , sottolinea i dettagli, evoca nuovi sfondi di luci e ombre. Sarah Moon, con le sue opere ci offre una visione, uno sguardo ai capolavori di Fortuny in maniera diversa; questo ci appare quando ci soffermiamo a guardare i suoi scatti, le pieghe dei tessuti ci appaiono come pieghe dello spazio tempo.. a ogni singola piega, ci si avvicina per guardare meglio, per poi arretrare di qualche passo per guardare l’opera nel suo insieme.

Sono tutte delle mostre stupende, confesso che rimarrei ore ad osservare i quadri di Romaine Brooks e le foto di Henriette Fortuny. Consiglio a tutti di andare a vedere queste mostre, è un’opportunità unica !!

Four great women

museo fortuny

Recently I was on duty at the Fortuny Museum in Venice. For those who do not know, the Fortuny Museum, unlike all the other museums of the Civic Museums Foundation of Venice, it’s particular for at least two reasons:

  • Houses for the most part, exhibitions inspired by the women, or created by them, even if, from time to time there has been exibitions of different kind but always beautiful.

 

  • It’s opens only when there is an exhibition to be displayed, otherwise the palace is closed. That’s why we should not pass up the opportunity to see this wonderful museum when it opened.

 

In this period the Fortuny Museum, it does not host an exhibition, but rather four! Yes you heard right, there are four wonderful exhibitions, waiting for you inside. These exhibitions are part of the cycle “Winter at Fortuny Palace”, they are placed all over three floors (from the ground floor up to the second – the third is closed), exhibitions dedicated to four beautiful women:

  • Henriette Fortuny
  • Romaine Brooks
  • Sarah Moon
  • Ida Barbarigo

On the ground floor, there is an exhibition dedicated to Ida Barbarigo: “Erme and Saturns” this is the title of her exhibition. Although I had not worked on that floor, I went there on my day off, to get a better idea about these intriguing artists. Yes, intriguing, I used that word, let’s say they are full of charm, mysterious, and their masterpieces are wonderful, enigmatic at times, but always beautiful, full of deep meanings, and questions.
I admit that the works of Ida Barbarigo are not easy to interpret, that makes me think if I need a much larger time to study her works. She is a descendant of a family of artists, the artworks were designed between 1980 and the end of the nineties. The Erme and Saturns, are enigmatic works representing the difficult path of the artist, through painting, canvas, color ect.
I stayed a some minutes to look at each of her works while I memorize them on the memory card of my camera. Pharaohs, sphinxes, Herms, Saturnian .. All paintings with strong colors of red, characters who cover their faces with their hands, or barely discernible, as if they were transparent, or surrounded by the fog .. this is the impression I got, although I repeat, it’s just an opinion dictated by my lack of preparation pictorial.
I went to the access to the upper floors, passed the bookshop where later I bought books about these women that I was so impressed. As I reach the top, it striked me, left me complety breathless as I saw the splendid picture of Romaine Brooks “Spring”. I’ve never seen anything like that, anything so beautiful!

Romaine_Brooks2.jpg

Romaine Brooks, was an extraordinary woman, I would have loved to have met her. A fragile woman, tormented soul, because of the mother that gaved more attentions to her brother afflicted with a mental illness, making her feeling rejected and unloved.
Returning to the painting, it represents a naked woman, one half of her body covered by a black cloak, holding a long garland of flowers, while a deer seems lonely going away from the scene. Who is she? This beautiful creature with her eyes face down, almost closed? She is Persephone, the mythological Goddess abducted by Hades and taken to the underworld. In which context, in what time is she framed? Before her kidnapping, or during one of her temporary return to the terrestrial sphere?
The Goddess is not just set in the center of the picture, and yet she is the dominant figure, everything else fades into the background, as if all that was swallowed by the fog. The facial expression is one that affects most of all .. it seems almost sad, but whose? Persephone or the artist?
Her other paintings are just as beautiful and meaningful; the second one most beautiful I would daresay is the “The Weeping Venus”, whose features seem to have been inspired by Ida Rubinstein, a model, that certainly we can say, she was one of the characters that inspired the artist and that were important in her life. Other famous paintins were the portrait of Gabriele D’Annunzio, Jean Cocteau, Paul Morand; her drawings are simple but rich of meaning .. and yet I keep thinking at the painting of the “Spring”!

The first floor, however, is not focused only on her, there are many works that recall the only one real muse Henriette Fortuny of Mariano Fortuny himself. I seem to remember the saying that behind every great man there is a great woman. Well this is the case. At least that’s what transpires from the photos, from small fragments of old holiday movies. The simple story of a couple, the two half parts of a soul that had found themselves, and together they made the history of fabrics. It’s Mariano Fortuny himself to reveal that behind the success of Delphos’s was Henriette; this fact is noted in many pictures where she is wearing the dress. The Delpho is nothing but a tunic in silk taffetà with a pleat that remind Auriga, the bronze statue discovered in Delphi. The Knossos had also great sucess: a cloth made of silk satin, printed in black and ivory on a light background with Greek motifs between the Greek and Minoan. Fortuny was well known abroad, especially in the US, when Elsie McNeil, convinced him to open a shop run by her in New York, It will be  her that Henriette entrust to lead the destiny of the Giudecca factory after the death of Fortuny which took place in 1949.

Conde_nast_fortuny

It ‘amazing to admire all these photographs, paintings where Henriette is portrayed, it’s an opportunity for us to know this remarkable woman, who until now has not been talked about much. Obviously about Mariano Fortuny much has been said, much has been written, but thanks to this exhibition, we can finally know, and admire this great woman!

Sarah Moon is on the second floor. Fourth woman guest at this museum, she wanted to offer a tribute to Mariano Fortuny with her photos, her prints inkjet and silver salts. The black and white of her works, is deliberately chosen because it conveys a totally different point of view. The black and white evokes the past, memories, emphasizes the details, evokes new background of light and shadow. Sarah Moon, with her works gives us a vision, a look to the masterpieces of Fortuny totally different; this is clear to us when we stop to look at her photos, the folds of tissue appear as folds of space and time .. every single fold, you get closer for a better look, and then move back a few steps to watch the work in its together.
They are all wonderful exhibitions, I confess that I would stay hours observing the paintings of Romaine Brooks and photos of Henriette Fortuny. I recommend everyone to go and see these exhibitions, it is a unique opportunity !!

Ritorno a Casa Goldoni

For the english version, please scroll down the page.

Dopo circa un’anno, sono stato chiamato a coprire un turno nel bellissimo Museo di Casa Goldoni.  Avevo già scritto qualcosa in merito a questo bellissimo palazzo, ma un giorno solo, è troppo poco tempo per imparare le tante cose che si dovrebbe sapere per visitarlo bene !

Carlo Goldoni, insieme all’artista Pietro Longhi, sono stati i due massimi esponenti che hanno saputo ricreare, uno con carta e penna, e l’altro con penelli e colori, le scene quotidiane  di una Venezia popolare.

Nel palazzo stesso, possiamo ammirare dei bellissimi quadri del Longhi, quali “la furlana” o “la veditrice di fritelle” e molti altri; mentre Goldoni affronta le tematiche delle trasformazioni a livello culturale, i conflitti tra classi, come era vissuta all’epoca la figura della donna, nuovi figure, che si affacciano nella nuova epoca. Ricordiamo che si assiste ad un cambiamento: la fine della Serenissima; tutto questo non fa che ricordarmi gli affreschi del Tiepolo del secondo piano di Cà Rezzonico: “il mondo nuovo” e altri, che stanno appunto a rappresentare la fine di un epoca, l’inizio di una “nuova vita”. Non si rappresenta più la nobiltà, ma la classe popolare, le persone comuni, la scena quotidiana.

Quello che mi affascina di più di questo museo, è il secondo piano, dove presto solitamente servizio. Mi piace perché le stanze sono state arredate, ricreate seguendo le ambientazioni di alcune commedie dello scrittore.

La portantina
La portantina

La finta ammalata: la storia narra della giovane Rosaura che ama un dottore, ma non è ricambiata, o meglio, lei è innamorata di lui, ma il giovane dottore, non ne è a conoscenza. Per cercare di incontrarlo più volte possibili, ella si finge ammalata, inventandosi i disturbi quali difficoltà di respirazione, e rifiutandosi di mangiare. Tuttavia ella mangia eccome! Di nascosto piazza sotto una portantina dov’era solita distendersi, un piatto di fichi, e non vista mangia di gusto ! La storia potrebbe andare avanti a lungo, ma viene scoperta dalla serva Colombina e l’amica beatrice, a causa di uno specchio, che cattura i suoi furtivi pasti. A loro confessa di esser innamorata del dottor Onesti. La situazione sembra precipitare, quando il padre Pantalone, non vedendo alcun miglioramento, incarica un diverso dottore di prendersi cura della figlia, e quando egli pensa che un rimedio si possa trovare nel sposare un giovane pretendente. Ma poi alla fine tutto finisce con il lieto fine.

La portantina collocata nella sala principale è stupenda! Accanto si possono ammirare dei bellissimi vasi che mi ricordano tanto quelli usati anticamente nelle farmacie dell’epoca che preparavano i rimedi con erbe curative, e pozioni. C’è inoltre un bellissimo separè che per lo stile mi ricorda il mobilio del secondo piano di Cà Rezzonico, nella sala delle lacche verdi.

L'avvocato veneziano

Nella commedia  “L’avvocato veneziano, Carlo Goldoni, fa uso dei suoi ricordi e dell’esperienza acquisita nella professione da lui esercitata a Pisa, egli racconta, porta sulla scena, in contrasto con altre commedie e altri suoi colleghi che rappresentavano gli uomini di legge come cavillosi e intriganti, il carattere gaio e positivo di un avvocato veneziano che non ci pensa due volte  a sacrificare la passione e i sentimenti per difendere l’onore della suo mestiere.

La scena che viene descritta dal racconto, è rappresentata nel museo da una bellissima scrivania con poltroncine, da alcune specchiere, un manichino che indossa una vestaglia da camera, il mobilio tutto originale della seconda metà del 18 secolo.

Il giocatore

Il giocatore: questa è una commedia molto interessante, perché parla del personaggio di Florindo che a causa del gioco, rischia di perdere tutto, infatti perderà la fidanzata Rosaura, i suoi amici, e si ritroverà col rischio di sposare una donna che non fa per lui, fortunatamente viene salvato da Pantalone. E’ una commedia importante, in quanto trattano i temi quali la dipendenza dal gioco, le preoccupazioni per le perdite subite, l’ansia e la frenesia per la rivincita, sperando sempre che la volta prossima sia quella buona con cui rifarsi. Questa commedia mi ricorda molto un film dallo stesso titolo e interpretato da Matt Damon Edward Norton, John Malkowich, Martin Landau.

La conversazione

Nella commedia la  “La conversazione” si narra di un pranzo in casa di Madame Lindora. E’ un occasione per rappresentare i vari personaggi, i giochi, i divertimenti che andavano di moda all’epoca, infatti la scena che si presenta al museo, è rappresentata da un tavolo da gioco, con delle carte poste su di esso, insieme a delle biglie e a dei dadi, che si usavano nel gioco chiamato “il biribisso”: Gioco d’azzardo simile alla roulette o alla tombola. Si gioca tra un banchiere e un numero illimitato di giocatori. Questi puntano una somma di danaro su una casella figurata e numerata di uno scacchiere che ne conta 36 (in Francia 70); il banchiere estrae allora un numero da un sacchetto e i giocatori che hanno puntato sul numero estratto vincono trentadue volte (o 64 in Francia) la propria posta, mentre il banchiere incamera le altre puntate.

Chi la fa l'aspetta

E infine, la commedia “chi la fa l’aspetta” è ricreata nella sala da pranzo, dove sono presenti un tavolo, sedie, una credenza, tutto arredato,come se si fosse nell’intento di sparecchiare

Il secondo piano, non è grandissimo, conta poche sale, ma sono tutte molto interessantissime, se si sa cosa guardare, o se si fa la connessione tra le opere scritte da Goldoni, e la scena che si è cercato di ricreare nel modo più fedele possibile. Invito tutti a venire a vedere questo bellissimo museo.. credetemi ne vale veramente la pena !

English version: 

After about a year, I was asked to cover a shift in the beautiful Museum of Casa Goldoni. I wrote something about this beautiful building, but one day, it is too little time to learn the many things you should know to visit it well!

Carlo Goldoni, with the artist Pietro Longhi, were the two leading exponents who have been able to recreate, with a pen and paper, and the other with brushes and colors, the daily scenes of a popular Venice.

In the same building, we can admire the beautiful paintings of Longhi, such as “the furlana” or “the saleswoman of pancakes” and many others, while Goldoni addresses the issues of change at the cultural level, conflicts between classes, and the role of women in that time. We recall that there was a change: the end of the Serenissima; All this only serves to remind me of Tiepolo frescoes on the second floor of Ca ‘Rezzonico, “the new world” and others, which are precisely to represent the end of an era, the beginning of a “new life”. Not longer they represents the nobility, but the popular classes, the ordinary people, the daily scene.

What fascinates me most about this museum is the second floor, where usually I work. I like it because the rooms are furnished, created following the histories of some comedies.

La portantina
La portantina

The fake sick“: the story tells of the young Rosaura who loves a doctor, but it is not reciprocated, or rather, she is in love with him, but the young doctor, doesn’t know. To try to meet him several times as possible, she pretends to be sick, inventing symptoms such as difficulty to breath, and refusing to eat. However she eats with gusto! She used to hide under a sedan chair, a plate of figs, and unseen she ate them ! The story could go on and on, but is discovered by the maidservant Colombina and her friend Beatrice, due to a mirror that captures his furtive meals. She confessed to being in love with Dr. Onesti. The situation seems to fall when his father’s Pantalone, not seeing any improvement, instructs a different doctor to take care of his daughter, and when he thinks that a remedy can be found in marrying a young man. But in the end it all ends with a happy ending.

The sedan chair is placed in the main room, is amazing! Next, you can see the beautiful vases that remind me so much those used in ancient times in the pharmacies, when they prepared remedies with healing herbs and potions. There is also a beautiful booth that the style reminds me of the furniture on the second floor of Ca ‘Rezzonico, in the green  lacquers room.

L'avvocato veneziano

In the comedy “The Venetian lawyer,” Carlo Goldoni, makes use of his memories and the experience gained in the profession which he exercised in Pisa, he tells, in contrast to other comedies and other colleagues representing the lawyers as quirky and intriguing, instead he tell about a character cheerful and positive of a Venetian lawyer who does not think twice about sacrificing the passion and feelings to defend the honor of his profession.
The scene is described by the story, it is represented in the museum by a beautiful desk with chairs, some mirrors, a dummy wearing a dressing gown, all the original furniture from the second half of the 18th century.

Il giocatore

The cards player: this play is very interesting, because it speaks of the character of Florindo that because of the game, he may lose everything, in fact, he lose the girlfriend Rosaura, his friends, and he’ll end up with the risk of marrying a woman who is not for him, fortunately  he’s been saved from Pantalone. This comedy is important, as it address issues such as gambling addiction, the concerns for their losses, anxiety and frenzy for revenge, always hoping that the next time will be better. This reminds me of a comedy film of the same title starring Matt Damon and Edward Norton, John Malkowich, Martin Landau.

La conversazione

In the play the “conversation” tells of a lunch in the home of Madame Lindora. It’s an opportunity to represent the various characters, games, amusements that were fashionable at the time, in fact the scene that is presented to the museum, is represented by a table, with the cards put it together  with dices, which were used in the game called “biribisso”. Gambling like roulette or bingo. It is played between a banker and an unlimited number of players. These pointing a sum of money on a box of a figurative and numbered chessboard that has 36 (70 in France); then the banker draws a number from a bag and the players who bet on the winning number drawn thirty-two times (or 64 in France) their mail, while the banker appropriates other bets.

Chi la fa l'aspetta

And finally, the comedy “who does the waiting” is recreated in the dining room, where there are a table, chairs, a dresser, all furnished, as if he had the intention to clear the table

The second floor is not large, it has a few rooms, but they are all very interesting, if you know what to look for, or if you make the connection between the works written by Goldoni, and the scene they tried to recreate as closely as possible. I invite everyone to come and see this beautiful museum .. believe me it is really worth!

Proportio, una mostra stupenda !

(For the english version, scroll down the page)

In questo mio nuovo articolo, vi voglio parlare di una mostra assolutamente eccezionale, che consiglio caldamente a tutti di andare a vedere: Proportio di Axel Vervoordt. La mostra è ospitata nel bellissimo Palazzo Fortuny, e a mio modesto parere, è senz’altro una delle più belle mostre che abbia mai visto. Per chi non lo sapesse, Mr Axel Vervoordt, ogni due anni circa, organizza una mostra in questo bellissimo palazzo, ognuna con un specifico tema, ognuna più bella della precedente. Mi ricordo ancora una delle sue mostre alle quali ho avuto il privilegio di lavorare: “TRA”. Il titolo della mostra, era stato scelto con molta cura, e nascondeva al suo interno numerosi livelli di significato: rappresentava quello spazio, quell’intermezzo tra quello che c’era davanti e quello che c’era dietro. La mostra si componeva di diverse opere, tra le quali spiccavano porte e finestre di ogni dimensione e materiale. Esse rappresentavano un portale, un ingresso da una stanza ad un altra, un altra dimensione, il futuro che ci aspetta davanti e il passato alle nostre spalle, come pure poteva essere interpretato, come lo scambio di energia, da uno stato ad un altro, e molti altri significati ancora.

Axel Vervoordt è semplicemente un genio, un uomo del nuovo rinascimento, uno con una visione del mondo, della vita nel suo intero, e con le sue mostre, cerca di condividere con tutti noi, le sue conoscenze. Ora dopo questa introduzione, vi parlerò di questa nuova mostra.

Proportio, si basa principalmente sulle proporzioni matematiche, specialmente “la proporzione divina” o numero “phi” il quale è stato calcolato come 1,618. Questo numero è molto importante esso deriva dalla sequenza di Fibonacci,una progressione di numeri la quale somma di due termini adiacenti era uguale al termine che lo seguiva e poi, come sopra menzionato, perché il quoziente dei due numeri tendeva a dare quel risultato numerico! Un numero che si trova ovunque, tanto per fare un esempio, con un metro, misurate in totale la vostra altezza dalla testa ai piedi, e dividete quel numero per l’altezza dal vostro ombelico ai piedi, e si otterrà il numero “phi”. Altri esempi? Misurare la distanza dalla spalla alle dita e dividetela per la distanza dal gomito alle dita, sempre il numero phi, oppure il numero delle api in un alveare ? Il numero delle api femmine diviso quello dei maschi: numero “phi”.

.

scroll-fibonacci copy

 

Questa proporzione divina, fu quindi usata per molti scopi, in campo musicale, nell’architettura, basti pensare al palazzo delle nazioni unite di New York, e cosa più importante anche nell’antichità con i monumenti delle 7 meraviglie del mondo: La piramide di Cheope di Ghiza, i giardini pensili di Babilionia, la statua di Zeus ad Olimpia, Il tempio di Artemide a Efeso, il Colosso di Rodi, Il Mausoleso di Alicarnasso, Il Faro di Alessandria. Questa proprorzione, è stata anche riscontrata al di là dell’oceano Atlantico, nelle piramidi dei Maya ad esempio. Com’è possibile allora che tale concezione della proporzione divina, fosse presene in vari punti del mondo, prima ancora della scoperta di Cristoforo Colombo? L’epoca delle sette meraviglia del mondo, coincide grosso modo col periodo in cui vissero i grandi filosofi greci, tra cui: Platone, Aristotele, Pitagora, Euclide. Non fu proprio Platone in una delle sue 5 trilogie ”Crizia” dove egli descriveva i dettagli di una civiltà avanzata, che si suppone sia quella di Atlantide?

Dicono infatti i nostri testi che la vostra città arrestò un enorme esercito, che con prepotenza stava avanzando contro tutta l’Europa e l’Asia insieme, provenien­te da fuori, dal mare Atlantico: allora infatti quel mare era navigabile, perché c’era un’isola di fronte allo stretto chiamato (come dite voi) Colonne d’Eracle. Quell’isola era più ampia della Libia e dell’Asia messe insieme; e da essa i naviganti di quel tempo potevano passare sulle altre isole, e da esse su tutto il continente opposto intorno a quello che allora era un vero e proprio mare. Infatti, tutto quanto si trova al di qua dell’imboccatura di cui stiamo parlando, sembra un porto con una foce stretta; ma di là c’è veramente il mare, e la terra-ferma che lo circonda si potrebbe perfettamente considerare un continente. In quest’isola di Atlantide si era formata una grande e straordinaria monarchia, che dominava tutta l’isola e anche molte altre isole e regioni del continente; inoltre governava, da questa parte dello stretto, la Libia fino all’Egitto, e l’Europa fino alla Tirrenia. Questa potenza dunque, concentrate tutte le sue forze, si accinse un tempo ad asservire d’un sol colpo la vostra e la nostra terra e tutta la regione al di qua dello stretto. Proprio in quel tempo, Solone, la potenza della vostra città divenne famosa fra tutti gli uomini per valore e forza. Sopravanzando infatti tutti quanti nella generosità e nelle arti belliche, prima a capo dei Greci, poi inevitabilmente da sola, perché gli altri si erano ritirati, pur essendo giunta all’estremo pericolo riuscì a sconfiggere gli invasori e a trionfare su di loro, e impedì che fossero fatti schiavi coloro che non erano ancora mai stati asserviti, mentre diede generosamente la libertà a tutti noi, che abitiamo al di qua dei confini di Eracle.«Ma in seguito si verificarono immensi terremoti e cataclismi, al sopraggiungere di un sol giorno e di una sola notte terribili, in cui il vostro esercito fu inghiottito tutto quanto dalla terra, e anche l’isola di Atlantide s’inabissò nel mare e sparì: ecco perché, anche ora, quel mare risulta ormai inaccessibile e inesplorabile, essendoci l’ostacolo del fango dei bassifondi che l’isola depositò inabissandosi.”

Leggendo un intervista tra Axel Vervoordt, René De Bartiral, e Tatsuro Miki, si teorizzava tale perchè: è più probabile che da una civiltà siano partite in diverse direzioni tale sapienza, o che, in luoghi diversi, individualmente si sia arrivata alla stessa conclusione? La scelta più logica semprebbe la prima, ma visto che non è purtroppo dimostrabile, dobbiamo abbandonare tali linee di pensiero, e concentrarsi su quello che invece è documentato. Dopo secoli, la proporzione divina ritorna ad essere studiata, e il nome del matematico, era Luca Pacioli. Egli era un frate dell’ordine francescano nato nel Borgo di Sansepolcro nel 1445, ha cominciato gli studi sotto la tutela di Piero della Francesca, dove i suoi talenti, per la matematica e la pittura, furono incoraggiati, e perciò andò a studiare più approfonditamente all’Accademia della scuola di Rialto che guarda caso gli studi matematici si basavano sugli insegnamenti proprio di Aristotele, che fu discepolo di Platone e successivamente precettore di Alessandro Magno detto il grande.

In questa bellissima mostra, Axel Vervoordt ci svela la conoscenza della proporzione divina, in tutti i suoi aspetti: musicale, artistico, architettonico ect. Nella mostra sono presenti molti capolavori, dai quadri, ai disegni, modellini, forme geometriche, basilari e non. Le forme geometriche non sono messe a caso, ognuna riguarda la proporzione divina, se non sbaglio, mi sembra di ricordare che lo stesso Platone, cercava di realizzare un solido poliedrico, con tante facce, tante quali erano le scienze, ogni faccia rappresentava una determinata scienza, da qui il nome del “solido platonico”.

A piano terra, Axel Vervoordt ha realizzato delle strutture “abitative” sfruttando le regole matematiche, quali la radice di 3, la radice di 5, la proporzione divina ect, con materiali quali la calce viva e la carta pesta. L’interno di queste strutture è vuoto; ogni struttura, realizzata con diverse formule matematiche hanno all’interno un diverso tipo di energia, ovvero il vuoto. Se ci pensate in un ambiente vuoto, si crea l’eco, ed è opinione che con diverse misure, le strutture al suo interno hanno delle tonalità sonore diverse. Il vuoto genera energia, però è anche vero che in un ambiente armonicamente arredato, ha anch’esso una sua energia. Tale disciplina, nata in oriente, si chiama Feng shui. Essa è un arte ausiliaria all’architettura, che si occupa degli interni dell’abitazione, ma anche alla scelta dei suoi mobili, del terreno, tutto legato ai 5 elementi: acqua, fuoco, terra, metallo, legno.

Il manifestarsi delle energie, è un tema ricorrente nelle mostre di Axel Vervoordt, nella sua intervista/colloquio, egli fa un’associazione molto interessante: secondo la medicina cinese, il nostro corpo è percorso da meridiani, che portano l’energia in tutto il corpo, e quando, essi non sono in armonia, abbiamo dei disturbi fisici. Con la stimolazione dell’agopuntura, su questi meridiani, si riesce a volte a riportare l’equilibrio. Ebbene l’associazione fatta, è che tale energia, se presente nell’uomo, è anche presente nella terra, il nostro pianeta, e che ci sono delle zone, dove le energie sono più forti in altre. Mi viene da pensare ad esempio il tempio megalittico fuori Londra di Stonenge, o alcune chiese della penisola iberica, dove sono state registrate alcune energie diverse da quelle magnetiche…

Secondo Axel Vervoordt, ci sarà un ritorno al sapere e filosofia orientale, in quanto essa, non affronta i problemi da un singolo lato ma prende tutto l’insieme, proprio perchè tutto è interconesso; la giusta proporzione si ottiene quando si raggiungie l’armonia dell’uomo con l’ambiente. Come menzionato sopra la filosofia orientale del feng shui, prevede per l’appunto l’armonia dell’uomo con l’ambiente circostante.

Un’altro pensiero che mi ha colpito di questa mostra, è‘ quello che asserisce la religione Janista, una religione simile a quella buddista secondo la quale il benessere dell’uno dipende dal benessere degli altri, dove tutto è interconnesso, mi fa pensare ad un concetto che ho letto nel libro di David Mitchell, dal titolo “Cloud Atlas” di cui i fratelli Wachowski successivamente fecero il film, dove il destino di una persona era connessa, da un’altra, le cui azioni passate o presenti determinavano.

Il primo piano è letteralmente pieno di capolavorari di artisti diversi che a loro modo hanno cercato di rappresentare la proporzione divina. Ci sono numerosi modellini e disegni architettonici, ci sono video che lasciano a bocca aperta per come sono stati realizzati, un video di essi si vede una coppia che danza al ritmo di una musica, e questo è dedicato all’uso della proporzione divina nel campo della musica. Solamente per visitare il primo piano, e godere di ogni singolo capolavoro, penso che ci si potrebbe impiegare delle ore !!

Il secondo piano è meno affollato di capolavori, ma seppur pochi, sono assolutamente interessantissimi, come quella di Gabriele De Vecchi, dove una semplice costruzione in 2 dimensioni, ruotando, con il gioco delle ombre, produce una serie continua di nuove figure geometriche in 3 dimensioni! E’ assolutamente fantastico !!

Anche il 3 piano presenta un numero inferiore di opere, ma come il secondo, le opere sono molto interessanti, e gode di una luminosità e di una vista assolutamente stupende !

Se andrete a visitare questa mostra, ecco i miei consigli, sulle più belle opere che dovete assolutamente vedere !

immagine 1  immagine 2  immagine 3  immagine 4  immagine 5

Hans Op de Beeck

Nighttime

Izhar Patkin

Hare Apparent

Anne-Karin Furunes

Homage to Mariano Fortuny’s Study of Clouds

GabrieleDe Vecchi

Deformazione

assonometria cubo

Le Corbusier

La Chaux-de-Fonds 

Roquebrune-Cap-Martin)Villa

Savoye, Poissy

 immagine 6  immagine 7  immagine 8  immagine 9

Nanda Vigo

Cronotopo

Akiko Horio

Senza titolo (Azzurro)

Anish Kapoor

Gathering Clouds

Markus Brunetti

Cathedrale

Notre-Dame de hartres

Questi sono solo dei miei suggerimenti, le opere sono talmente tante! Io vi consiglio caldamente di andare a vederla questa mostra, che a mio giudizio, è una delle più belle che io abbia mai visto!

English Version

In my new article, I want to talk about an exhibition quite exceptional, I strongly recommend everyone to go and see: Proportio Axel Vervoordt. The exhibition is housed in the beautiful Palazzo Fortuny, and in my humble opinion, is undoubtedly one of the best shows I’ve ever seen. For the uninitiated, Mr. Axel Vervoordt, approximately every two years, organized an exhibition in this beautiful building, each with a specific theme, each more beautiful than the last. I still remember one of his exhibitions in which I had the privilege of working: “TRA”. The show’s title, had been chosen with great care, and hid inside several levels of meaning: it represented that space, that data bit from what was there before and what was behind it. The exhibition consisted of several works, among which stood out the doors and windows of all sizes and materials. They represented a portal, an input from one room to another, to another dimension, the future that awaits us ahead and the past behind us, as well as could be interpreted as the exchange of energy from one state to another, and many more meanings yet.

Axel Vervoordt is simply a genius, a man of the renaissance, one with a view of the world, of life as a whole, and with its exhibitions, tries to share with us all his knowledge. Now after this introduction, I’ll talk about this new exhibition.

Proportio, it is mainly based on mathematical proportions, especially “the divine proportion” or number “phi” which was calculated as 1.618. This number is very important it is derived from the Fibonacci sequence, a progression of numbers which sum of two adjacent terms was equal to the period that followed him and then, as mentioned above, because the quotient of the two numbers tended to give that numerical result! A number that is found everywhere, just as an example, with a tape measure, measure your total height from head to toe, and divide that number by your height from your navel to the feet, and you’ll get the number “phi” . Other examples? Measure the distance from the shoulder to the fingers and divide it by the distance from the elbow to the fingers, always the number phi, or the number of bees in a hive? The number of bees females divided that of males: number “phi”. 

scroll-fibonacci copy

 

This divine proportion, was then used for many purposes, in music, in architecture, just think of the building of the United Nations in New York, and most importantly also with the ancient monuments of the 7 Wonders of the World: The pyramid Ghiza of Cheops, the Hanging Gardens of Babylon, the Statue of Zeus at Olympia, the Temple of Artemis at Ephesus, the Colossus of Rhodes, The Mausoleso of Halicarnassus, the Lighthouse of Alexandria. This proprorzione, was also observed beyond the Atlantic Ocean, in the pyramids of the Maya, for example. Why is it then that such a conception of the divine proportion, Feature This was at various places of the world, even before the discovery of Christopher Columbus? The era of the seven wonder of the world, roughly coincides with the period they lived in the great Greek philosophers, including Plato, Aristotle, Pythagoras, Euclid. It was not just Plato in one of his five trilogies “Critias” where he described the details of an advanced civilization, which is supposed to be that of Atlantis?

“They say in our lyrics that your city stopped a huge army, with that arrogance was advancing against all of Europe and Asia together, coming from outside, from the Atlantic sea: in fact then that sea was navigable, because there was an island opposite the strait called (as you say) the Pillars of Hercules. That island was larger than Libya and Asia put together; and from it the sailors of that time they could spend on other islands, and from them on the whole opposite continent around what was then a real sea. In fact, everything that is on this side of the entrance we are talking about, it looks like a port with a narrow passage; but there is really the sea, and land-stops around him you could well be considered a continent. In this island of Atlantis he had formed a great and extraordinary monarchy, which dominated the whole island and also many other islands and regions of the continent; also ruled, on this side of the strait, Libya to Egypt, and Europe up to Tirrenia. This power then, concentrated all his strength, he set a time to enslave one blow your and our country and throughout the region on this side of the strait. Just at that time, Solon, the power of your city became famous among all people to value and strength. Overtaking fact everyone in generosity and in the arts of war, first in charge of the Greeks, then inevitably alone, because the others had withdrawn, although the extreme danger junta managed to defeat the invaders and to triumph over them, and prevented They were enslaved those who were not yet ever been enslaved, while generously gave freedom to all of us who live on this side of the borders of Heracles. “But later occurred immense earthquakes and cataclysms, the arrival of a single day and one terrible night, when your army was swallowed up everything from the land, and also the island of Atlantis sank into the sea and disappeared: that’s why, even now, that sea is now inaccessible and unsearchable, being no obstacle the mud of the slums that deposited sinking the island. “

Reading an interview between Axel Vervoordt, René De Bartiral, and Tatsuro Miki, he wonder: it is more likely that a single civilization in different directions spread such knowledge, or that, in different places, it has come individually to the same conclusion? The logical choice semprebbe the first, but since it is unfortunately not provable, we must abandon these lines of thought, and instead focus on what is documented. After centuries, the divine proportion returns to be studied, and the name of the mathematician, was Luca Pacioli. He was a monk of the Franciscan born in the village of Sansepolcro in 1445, began his studies under the tutelage of Piero della Francesca, where his talent for mathematics and painting, were encouraged, and so he went to study in greater depth Academy school Rialto who happens mathematical studies were based on the teachings of Aristotle’s own, who was a disciple of Plato and teacher of Alexander the Great later called the Great.

In this beautiful exhibition, Axel Vervoordt reveals knowledge of the divine proportion, in all its aspects: musical, artistic, architectural ect. In the exhibition there are many masterpieces, from paintings, drawings, models, geometric shapes, in basic shapes and not. The geometric shapes are not placed at random, each regards the divine proportion, if I’m not mistaken, I seem to remember that Plato himself, trying to build a solid multi-faceted, with many faces, so many what were the sciences, each face represented a certain science, hence the name “Platonic solid”.

On the ground floor, Axel Vervoordt has created structures “housing” by exploiting the mathematical rules, such as the root of 3, the root of 5, the divine proportion ect, with materials such as lime and paper mache. The interior of these structures is empty; each structure, realized with different mathematical formulas have inside a different kind of energy, ie the vacuum. If you think about it in a vacuum, creating an echo, and is opinion that with different sizes, structures within it have the tone sound different. The vacuum generates energy, but it is also true that in an environment harmoniously furnished, also has its own energy. This discipline, born in the East, is called feng shui. It is an art auxiliary architecture, which deals with the interior of the home, but also to the choice of its furniture, the land, all tied to the five elements: water, fire, earth, metal, wood.

The manifestation of energy, is a recurring theme in the exhibition of Axel Vervoordt, in his interview / conversation, he makes an association very interesting: according to Chinese medicine, the body is crossed by meridians that carry energy throughout the body, and when, they are not in harmony, we have physical ailments. With the stimulation of acupuncture, on these meridians, you can sometimes restore balance. Well the association made, is that this energy, if present in humans, is also present in the earth, our planet, and that there are areas, where the energies are stronger in others. I’m thinking, for example, the temple of Stonenge megalittico outside London, or some churches of the Iberian Peninsula, where they were registered some energy other than magnetic …

According to Axel Vervoordt, there will be a return to knowledge and Eastern philosophy, as it does not address the problems of a single side, but takes the whole thing, just because everything is interconnected world; the right balance is achieved when raggiungie harmony with the environment. As mentioned above the oriental philosophy of feng shui, it involves precisely man’s harmony with its surroundings.

Another thought struck me in this exhibition, is’ what asserts Janista religion, a religion similar to the Buddhist, according to which the well-being of one depends on the welfare of others, where everything is interconnected, it makes me think of a concept that I read in the book by David Mitchell, entitled “Cloud Atlas” in the Wachowski brothers later made the film, where the fate of a person was connected, by another, whose actions past or present determined.

The first floor is literally full of masterpieces by different artists who in their own way have tried to represent the divine proportion. There are numerous models and architectural drawings, there are some videos that leave you speechless about  how they were been made, in a a video you can see a couple dancing to the rhythm of music, and that, is dedicated to the use of the Divine Proportion from the point of view of music. Only to visit the first floor, and enjoy every single masterpiece, I think you could take several hours !

The second floor is less crowded with masterpieces, but even a few, are very interesting, like that of Gabriele De Vecchi, where a simple construction in 2 dimensions, rotating, with the play of shadows, producing a continuous series of new geometric shapes in 3 size! E ‘absolutely fantastic !!

Even the third floor has a smaller number of works, but as the second, the works are very interesting, and it offers a wonderful view of the city of Venice!

If you are visiting this exhibition, here is my advice about the most beautiful works that you absolutely must see!

immagine 1  immagine 2  immagine 3  immagine 4  immagine 5

Hans Op de Beeck

Nighttime

Izhar Patkin

Hare Apparent

Anne-Karin Furunes

Homage to Mariano Fortuny’s Study of Clouds

GabrieleDe Vecchi

Deformazione

assonometria cubo

Le Corbusier

La Chaux-de-Fonds 

Roquebrune-Cap-Martin)Villa

Savoye, Poissy

 immagine 6  immagine 7  immagine 8  immagine 9

Nanda Vigo

Cronotopo

Akiko Horio

Senza titolo (Azzurro)

Anish Kapoor

Gathering Clouds

Markus Brunetti

Cathedrale

Notre-Dame de hartres